Cerca

Il Milan crolla contro la Lazio Inter, non basta super-Milito

In serie A tanti gol nella seconda di ritorno, falcidiata dalle partite annullate per neve. La Juve resta in testa anche senza giocare

Il Milan crolla contro la Lazio Inter, non basta super-Milito

E' il 2-0 della Lazio al Milan il risultato clou della seconda giornata di ritorno del campionato di calcio di Serie A, "decimata" dalla neve che ha coperto molti campi e costretto ad annullare ben . partite. I rossoneri sono stati fermati nella loro rincorsa alla Juve (che l'altroieri non ha giocato per la neve al Tardini di Parma), dai gol di Hernanes e Rocchi. E confermano le difficoltà fin qui riscontrate nelle sfide coi "top team": nel girone di andata sono infatti stati sconfitti da tutte le big (Juve, Inter, Napoli, Roma) pareggiando con Lazio e Udinese al Meazza. Certo, sul risultato di ieri pesa il "mani in area" del biancoceleste Diaz non visto dall'arbitro. Ma il Milan in avanti, nonostante il tridente Ibra-Robinho-El Shaarawi non non è mai stato incisivo, con enormi difficoltà nell'andare alla conclusione della porta difesa da Marchetti.

Gol e spettacolo, nonostante il campo innevato, a Milano tra Inter e Palermo. Dove assoluto protagonista è stato Diego Milito. I quattro gol del "Principe", però, non sono bastati a dare i tre punti ai nerazzurri, grazie anche a uno strepitoso Miccoli tra i rosanero. E' finita 4-4, con l'Inter che ha perso ancora terreno sull'Udinese, vittoriosa al Friuli sul Lecce per 2-1 con una doppieta del capocannoniere della Serie A Di Michele (salito a quota 15 gol in stagione, come il milanista Ibrahimovic). Ennesimo passo falso della Roma di Luis Enrique, che è uscita sconfitta dal Sant'Elia di Cagliari con quattro reti sul groppone (4-2). A reti bianche è finita invece la sfida del San Paolo tra Napoli e Cesena, col presidente partenopeo De Laurentis e l'allenatore Mazzarri furiosi con l'arbitro per il gol annullato a Pandev.

Ecco la classifica alla seconda giornata del girone di ritorno (Atalanta, Bologna, Chievo, Fiorentina, Genoa, Juventus, Novara, Parma, Roma e Siena una partita in meno. Catania due partite in meno): Juventus 44, Milan 43, Udinese 41, Lazio 39, Inter 36,  Roma 31, Napoli 30, Palermo 28, Genoa 27, Cagliari 26, Fiorentina 25, Parma 24, Chievo 24, Atalanta 23, Catania 23, Bologna 21, Siena 19, Lecce 16, Cesena 16, Novara 12.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Borgofosco

    02 Febbraio 2012 - 15:03

    Ho assistito, del presunto spettacolo calcistico, a immagini e resoconti pietosi. Campi di calcio impraticabili e confusione totale nelle decisioni di guardialinee che sembravano ascoltare 'consigliori' esterni. Una presa in giro per quei poveri fessi che vanno negli stadi o che assistono ad orripilanti spettacoli televisivi. Ho letto sul cartaceo che Silvio ha visto! Siamo lontani secoli e secoli luce da quel che lui voleva fare per innovare un mondo del calcio irrimediabilmente marcio. Dopo quel che ho visto da Roma, ieri sera, mi dichiaro oltre che offeso anche nauseato. Uno spettacolo ampiamente preventivabile visto quanto partorito dalla 'organizzazione' che trova, come sempre, i suoi mentori oppure i propri sbocchi in quel di Siena e/o di Arezzo!

    Report

    Rispondi

blog