Cerca

Bullo Ibra, schiaffo ad Aronica Salta la Juve: tre turni di stop

Zlatan sotto pressione crolla: il folle gesto gli costa carissimo. Rischia di saltare il match scudetto: già pronto il ricorso del Milan

Bullo Ibra, schiaffo ad Aronica Salta la Juve: tre turni di stop

Folle. E irrituale. Oltre a essere un genio del calcio, Zlatan Ibrahimovic è anche tutto ciò. Folle perché farsi cacciare fuori come ha fatto nel match di domenica contro il Napoli potrebbe essere una bomba a grappolo sulla corsa dello scudetto del Milan: il giudice sportivo ha riconosciuto la condotta violenta del giocatore e non soltanto il gesto antisportivo. La decisione: tre giornate di stop. Zlatan rischia di saltare la partita scudetto con la Juve del 25 febbraio, in attesa della decisione sul ricorso della squadra rossonera, immediatamente presentato. Ma il gesto di Ibra è anche irrituale perché quel ceffone sganciato contro Aronica al 20' del secondo tempo è una mossa tutta nuova: il manrovescio viene mascherato da carezza e parte dalle spalle di un compagno di squarda, l'estraneo Nocerino, che però si becca la risposta (light) del napoletano, convinto che il braccio fosse quello del centrocampista rossonero e non dell'asso svedese. Ma queste sono considerazioni periferiche, come periferico (e noioso) si è rivelato il risultato della partita: zero a zero a San Siro.

I precedenti di Zlatan -
Gesti irrituali a parte, ciò che conta di più è che il gesto da bullo di Ibra gli costa tre giornate di squalifica: senza di lui, contro i bianconeri, l'impresa potrebbe diventare ancora più ardua. Per non parlare della corsa scudetto della squadra di mister Allegri. E i colpi di testa dello svedese sono tutt'altro che una novità. In questa stagione però, rispetto alla precedente, è partito con un po' di anticipo. Nel marzo del 2011 collezionò la sua prima espulsione in rossonero: una manata in pancia a Marco Rossi del Bari gli costò due giornate di squalifica (saltò il derby, risolto all'epoca da Pato, ma oggi come oggi Pato pare quasi non esistere). Zlatan tornò nel match contro la Fiorentina, e giù insulti al guardialinee: espulso, altre tre giornate di squalifica. I rossoneri si rassegnarono a giocare un mese e mezzo senza il loro totem offensivo (e i risultati furono tutt'altro che malvagi).

Un esame per il Milan - Galliani è preoccupato. Sa bene che quando Zlatan si fa espellere la ricaduta (in rosso) potrebbe essere dietro l'angolo. Per cercare di raffreddare il bollente spirito di Zlatan l'ad rossonero mieterà la prima vittima del codice etico in salsa rossonera varato tre mesi fa: tolleranza zero contro i giocatori sanzionati per comportamenti contrari al fair play; in sostanza multe più corpose. Ma anche la sanzione potrebbe non bastare. Perché il punto è che Zlatan, nel Milan di oggi, è l'unica (seppur accecante) luce sempre accesa. Senza di lui la squadra potrebbe non farcela, e lui lo sa bene. Il carico di responsabilità pare essersi fatto troppo gravoso per Ibra, che questo tipo di tensioni non è evidentemente in grado di gestirle: la sua tensione, puntualmente, sfocia in comportamenti borderline. Ora staremo a vedere se il Milan saprà cavarsela senza di lui (la speranza c'é: senza Zlatan e il chiodo fisso di passare la palla a lui, i rossoneri giocano meglio. Ma senza il loro unico e assoluto fuoriclasse).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • otello52

    07 Febbraio 2012 - 10:10

    inutile continuare con chi nega la realtà dei fatti e la "qualità" dell'uomo Ibrahimovic.infine dubito molto che lei conosca Ibrahimovic Ps: l'articolista è stato delicato, lo ha definito folle!

    Report

    Rispondi

  • gasparotto

    06 Febbraio 2012 - 18:06

    Ma quale schiaffo, ma se gli ha dato solo un piccolo buffetto,senza nemmeno sfiorargli la guancia. Io gli avrei dato una medaglia,in quanto ha sedato,com la sua presenza una lite,che sarebbe finita male. Se Ibra avesse infierito ,con un manrovescio,quello lo avrebbe steso per KO tecnico.Non dimentichiamo che Ibra è cintuta nera di karate,una specie di Steven Seagal,mi pare terzo dan. Se ci avesse dato dentro,quello non giocava sicuramente più. Tre turni di squalifica per un semplice ed innocente buffetto mi pare troppo. E non sono milanista!

    Report

    Rispondi

  • Borgofosco

    06 Febbraio 2012 - 18:06

    Lei insiste nell'insultare gratuitamente una persona che ha commesso una infrazione di cui la presunta vittima non si è neppure reso conto(si guardi attentamente i filmati). La sceneggiata è stata esaltata da istigatori che abbondano nel gioco del calcio. Se lei confronta questo sport con il rugby si rende conto che i calciatori simulano danni fisici inesistenti. Come al solito lei fa il maestrino paventando una superiorità intellettuale e sportiva senza sapere nulla del suo interlocutore. Ma dal momento che lei insiste nel ritenere l'asso svedese una sorta di teppista o peggio, continuo a ritenere che gli aggettivi che attribuisce al calciatore sono delle insolenze gratuite. Secondo me, sempre ché l'opinione di altri sia in grado di accettarla, lei parla come tifoso e non come sportivo. Non condivido nulla delle sue affermazioni e non ho riscontri per quanto da lei dice di Ibrahimovic. Per quanto di personale sappia che posso scrivere, senza suggeritori, anche dei libri.

    Report

    Rispondi

  • otello52

    06 Febbraio 2012 - 15:03

    le rispondo volentieri: ho fatto tanto di quello sport che a lei, probabilmente non basterebbe una sua vita e so perfettamente che si può andare fuori di testa. ma quando lo si fa, poi non bisogna lamentarsi e subire la punizione, come è capitato a me. ecco perchè parlo con cognizione di causa, perchè so cosa vuol dire. aggiungo che se il fatto accade una volta tanto ci può pure stare, ma il sig, zlatan è recidivo e si è comporato pessimamente in tutti i paesi in cui ha giocato, segno che non sa proprio da dove cominci un comportamento da persona civile. dunque è un violento perchè recidivo ed è cretino perchè insiste, nonostante credo glielo abbiano spiegato il danno che arreca alla squadra. quanto allo specchio,sarebbe preferibile che si rimirasse lei, prima di scrivere cose insulse. legga anche gli altri giornali e cerchi di non fare il tifoso, ma la persona con i neuroni funzionanti. se poi non è articolo suo.........

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog