Cerca

Quattro gol all'Arsenal trionfo rossonero al Meazza

Nell'andata degli ottavi di Champions doppietta di Robihno e reti di Boateng e Ibrahimovic. Il passaggio ai quarti è in cassaforte

Quattro gol all'Arsenal trionfo rossonero al Meazza

Serata trionfale per il Milan nell'andata degli ottavi di finale di Champions League. A Milano l'Arsenal l'hanno visto solo in piazza Duomo, nella forma (pessima) di alcune centinaia di tifosi inglesi sbronzi e aggressivi, che si sono più volte scontrati con la polizia. A San Siro, invece, si è visto solo il Milan, che con quattro gol ha di fatto messo in cassaforte il passaggio ai quarti. Si sapeva che, Van Persie e spauracchio nonno-Henry a parte, i "gunners non erano più lo squadrone di qualche anno fa. Ma i precedenti del Milan con le squadre inglesi nei giorni scorsi hanno fatto fare non pochi scongiuri ad Allegri & Co.

Il tecnico milanista, nel prepartita, aveva raccomandato ai suoi di attaccare con raziocinio, per non farsi sorprendere in contropiede. Ma il Milan che si è visto al Meazza è stato un ciclone, altro che raziocinio. Il ritorno di Boateng è stato fondamentale, visto che proprio il ghanese ha aperto la vendemmia dopo appena 15 minuti con uno dei suoi gran tiri, lanciato da Nocerino: sinistro da appena dentro l'area e palla sotto la traversa. Mezz'ora dopo ecco Robihno, fin qui autore di una stagione abbastanza incolore. Per lui doppietta: al 39' Ibrahimovic lo serve in area con un pallone a mezza altezza dopo essere scattato sul filo del fuorigioco e lui insacca di testa. Raddoppio al 4' della ripresa, ancora servito da Ibra, con un destro da fuori area che fulmina il portiere dell'Arsenal Szczsesny. Ciliegina sulla torta al 36' quando ancora Ibra entra in area e Djourou lo stende platealmente. Lo stesso attaccante svedese insacca dagli undici metri per il 4-0. Tra una settimana ritorno all'Emirates stadium di Londra. Vietato distrarsi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Borgofosco

    16 Febbraio 2012 - 12:12

    Nei sotterranei dello stadio alcuni inservienti si erano recati ad accendere un cero dove si presume si trovino le spoglie di San Siro. Faceva freddo ed alcuni di loro mischiavano il sacro con il profano parlando del figlio di Odino: Thor-Ibra: -'E' la sua partita l'ho visto carico come mai'- Appunto mai, mai offendere le 'divinità'. Dopo il penalty Ibrahimovic ha aperto le braccia e lanciato un urlo che ha raggiunto il suo 'Padre Celeste'. Lo stadio ha vibrato e la gente gli ha tributato quell'ovazione che solo i grandi riescono ad ottenere da un pubblico estasiato. Suo padre, Odino, gli aveva raccomandato di non cadere nelle provocazioni. Gli inglesi sono tosti ma sportivi e non 'carogne' come si vedono, purtroppo dalle nostre parti. Ibra ha giocato da primo della classe. Il Milan ha giocato da prima della classe! Ed il pubblico è uscito felice dallo stadio.

    Report

    Rispondi

blog