Cerca

Rugby, una meta per l'Italia: l'Irlanda ci strapazza 42-10

Sei Nazioni, a Dublino terza sconfitta di fila dopo Francia e Inghilterra. Prossimo match a Cardiff col Galles

Rugby, una meta per l'Italia: l'Irlanda ci strapazza 42-10

Dura un tempo il sogno dell'Italia di poter conquistare la prima vittoria nel 6 Nazioni 2012. Terza sconfitta consecutiva per l’Italrugby dopo i ko con Francia ed Inghilterra, gli azzurri si sono arresi all’Aviva Stadium di Dublino, uscendo battuti 42-10 nel match contro i padroni di casa dell’Irlanda. Il momento di massima gloria per gli Azzurri arriva al 36' della prima frazione quando capitan Parisse vola in meta e Botes trasforma il calcio addizionale per il 10-10. Prima dell'intervallo però gli italiani subiscono la meta di Bowe che manda le squadre al riposo sul 17-10. "Nella prima parte della gara siamo stati vicini poi abbiamo preso una meta all'ultimo minuto del primo tempo. Nel secondo tempo gli irlandesi sono stati più veloci ed abbiamo perso molte sfide individuali con diversi placcaggi sbagliati", questo il commento amaro del Ct dell'Italia, Jacques Brunel. L'Irlanda infatti dilaga con cinque mete totali, due delle quali negli ultimi minuti quando l'Italia ha già alzato bandiera bianca.A sabato 10 marzo il prossimo appuntamento, il quarto turno del Torneo, che si giocherà contro il Galles a Cardiff.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • alvit

    26 Febbraio 2012 - 10:10

    Ancora con questa squadraccia in giro? Non credete sia la volta buona che si debba smettere di fare figure barbine in giro per l'Europa?Non credo che questi stiano giocando gratuitamente per la bandiera, saranno pagati e ci costeranno un occhio per le trasferte in giro, magari con tutta una pletora di seguaci succhia sangue a ufo.Hanno fatto sempre figure da ciccolatari, di rugby, questi pirla, non ne capiscono nulla.

    Report

    Rispondi

  • iltrota

    25 Febbraio 2012 - 18:06

    E se la piantassimo lì? Non mi sembra che la maglia di Calimero sia un grande onore...

    Report

    Rispondi

blog