Cerca

Zazzaroni: Un Milan da paura Così non andranno lontano

I rossoneri contro l'Arsenal rivivono l'incubo La Coruña. Ma questa mentalità in Europa non paga: occhio, Allegri

Zazzaroni: Un Milan da paura Così non andranno lontano

Confesso che sul 3 a 0 ho fatto un pensiero sconcio, tipo Galliani che all’intervallo si presenta ovviamente stravolto nei lussuosi spogliatoi dell’Emirates per farsi i suoi ragazzi, uno dopo l’altro, da Allegri a Zlatan, proprio come una decina di giorni tentò di prendersi maldestramente Conte, che si ribellò - una Istanbul all’incontrario non m’è proprio venuta in mente. Il cattivo pensiero è durato un attimo, fortunatamente. La prima delle tre italiane è in qualche modo passata. Ma le complicazioni, un eufemismo, non sono mancate.

Wenger il visionario, mazzolato all’andata, aveva provato a far credere alla squadra che si sarebbe potuto compiere il miracolo, ovvero la più stupefacente delle remuntade, e i gol in apertura di Koscielny (dormita di Van Bommel) e Rosicky (altro errore difensivo, un disimpegno sbagliato da Thiago Silva) stavano peraltro legittimando l’ottimismo del tecnico francese (l’incredibile “We believe”): ma Europa-1 non è la Premier e segnare quattro gol più uno, senza subirne alcuno, ai campioni d’Italia è ancora roba da playstation. Stranamente stordito e allungato il Milan, che presentava inizialmente Emanuelson, Robinho e El Shaarawy a sostegno di Ibrahimovic e almeno nelle intenzioni pronti a sfruttarne gli inviti, ha impiegato un’ora prima di entrare in partita. Anche perché Mesbah ha sofferto da morire Walcott, mentre Silva e Mexès (imbarazzante) hanno faticato a prendere le misure a Van Persie, Chamberlain e Rosicky. Inoltre, Van Bommel, cresciuto alla distanza, Nocerino e Ibra hanno giocato al gioco dei difetti giustificando l’agitazione di Allegri. Al Milan è quasi sempre mancato il controllo della gara. E quando Van Persie ha messo dentro il 3-0 (rigore) la serata ha assunto i contorni del pre-incubo. Soltanto pochi minuti più tardi il Milan è riuscito a mettere insieme qualcosa di accettabile in avanti, una conclusione imprecisa dell’acerbo (al momento di chiudere) El Shaarawy.

La ripresa, che Allegri ha a lungo affrontato con la stessa formazione del primo tempo, ha avuto un andamento inevitabilmente diverso. Ma dopo tredici minuti l’Arsenal ha sprecato l’opportunità dell’aggancio: tanto Gervinho quanto Van Persie si sono arresi alla bravura di Abbiati. Alla crescita del Milan ha corrisposto un rallentamento degli inglesi, e mi è venuto naturale pensare a quello che stavano buttando via Ibra e compagni. L’ingresso di Aquilani al posto di El Shaarawy - la mossa ha comportato lo spostamento di Nocerino - ha aggiunto densità all’azione del Milan che ha tuttavia continuato a ballare dietro. Proprio Nocerino ha avuto la possibilità di rimettere a posto le cose. Ma il suo ultimo tocco non è risultato efficace. Il successo salva-campionato di Udine col gol decisivo di Maxi-Lopez, l’irruzione di El Shaarawy, le sviste di Romagnoli-Tagliavento e il ritorno dalla squalifica di Ibra sono i passaggi che hanno consentito al Milan - nei quarti di Champions dopo cinque anni di uscite, disturbi, dispersioni e rimpianti - di recuperare punti, fiducia, condizione e gli obiettivi più alti. Il delirio di Londra potrà avere la potenza distruttiva del colpo di spugna improvviso?

di Ivan Zazzaroni

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog