Cerca

Scudetto al Milan o alla Juve? Il sondaggio per gli interisti

L'ultima beffa: i tifosi nerazzurri devono tifare per il male minore. Ma qual è, se c'è? Partecipa al nostro sondaggio

Scudetto al Milan o alla Juve? Il sondaggio per gli interisti

Ora, seguite questa piccola indicazione. Ssssttt, non parlate, affinate l’udito - ovunque voi siate, bar, ufficio, dottore, supermarket - e origliate elegantemente, senza farvi sgamare che non è mai piacevole. Di questi tempi (ovvio) scoprirete che in un angolo, da qualche parte vicino a voi, c’è chi parla appassionatamente di Juve e Milan, Milan e Juve. Trovato? Bene, ora non abbiate fretta di arrivare a una conclusione e continuate ad ascoltare, farete una scoperta meravigliosa: a discutere non sono fanatici di Buffon e ammiratori di Ibra, no, ma due tifosi interisti!  

Straordinario. E inevitabile. Perché adesso che anche la Champions League - adieu - se ne è andata (dopo Coppa Italia ai quarti e campionato a -17 dalla vetta: a proposito, Sneijder ha un risentimento muscolare e starà fuori 10 giorni), alla stagione da zero tituli degli interisti resta solo un obiettivo: evitare almeno la beffa, il trionfo dei peggiori nemici proprio nella stagione del super flop. E qui viene il bello. Qui si scatenano discussioni e teorie, vengono a galla vecchie ruggini e scontri generazionali. Quale è il nemico peggiore? Juve? O Milan? Per l’interista sarà più doloroso vedere lo scudetto rossonero o bianconero?

Origliate, origliate e scoprirete che il tema non è banale - anzi appassiona molto - e le motivazioni sono sempre sensate e ragionate, più di quanto (senza offesa, e forse non ci vuole molto) è stato sensato e ragionato il mercato fatto da Moratti nelle ultime stagioni. Prendiamo la redazione di Libero. Gli interisti li riconosci qua e là, se ne stanno a gruppetti, si confrontano con orgoglio e insospettabile lucidità. Ciro è il più estremista e incazzato e tra un bip e l’altro del suo linguaggio colorito ti spiega che no, la Juve di bip proprio non la si può sopportare perché ha sempre rubato indipendentemente da calciopoli e lui non reggerebbe a vedere lo scudetto cucito sulle maglie dei bip. Proprio così, sarebbe meno doloroso un trionfo milanista e anche  Alberto - più moderato e raffinato - cerca di convincerti che sì, la rivalità con i cugini è storica e sentita, ma quest’anno il tricolore alla Juve sarebbe qualcosa di troppo doloroso.

Anche perché i bianconeri hanno pure lo stadio nuovo e per loro, in caso di successo, sarebbe la stagione perfetta. E ancora. Che il dubbio sia di ardua soluzione, lo capisci imbattendoti nello sguardo terrorizzato  e sorpreso di Matteo, il più passionale, uno che si vanta di farsi tutte le trasferte e c’era (ahilui) anche a Marsiglia. Matteo no, non riesce a scegliere il meno peggio e anzi apre una nuova, inquietante, ipotesi. Questa. La penultima di campionato si giocherà Inter-Milan. Sarà peggio perdere e vedere i rossoneri che festeggiano in casa interista o vincere e regalare lo scudetto alla Juve? Già, proprio dura essere interisti in questa stagione...

di Alessandro Dell'Orto

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Borgofosco

    16 Marzo 2012 - 20:08

    Credo che sia il Milan che la Juventus non abbiano bisogno dell'approvazione dei tifosi delle altre fazioni. Quello che infastidisce è il concetto:'rubano'! In questo modo si sono perdute le posizioni di dominio nel ranking europeo. L'impiego di quantità spropositate di denaro, non ha mai comportato un pari riscontro di vittorie sportive. L'Inter del primo Angelo Moratti e successivamente quella di Massimo hanno molto investirto come ha fatto ultimamente la Juventus. Le squadre di calcio nascono da alchimie che talvolta appaiono fortuite e misteriose. Tutte le grandi del passato, a partire proprio dall'Inter di H.Herrera, hanno vinto nel loro tempo perché furono assimilate con canoni rigorosi voluti dallo staff tecnico. Fu' anche il caso della Juventus di G. Agnelli Boniperti e Trapattoni Del Milan di Trabattoni, Busini, Viani e poi di Rizzoli ei Roccoe quello S. Berlusconi e di A.Sacchi. Ma in tutto questo tempo i tifosi non hanno mai imparato ad accettare le vittorie altrui|

    Report

    Rispondi

  • scorpio53

    16 Marzo 2012 - 10:10

    tutto giusto quello che dici, ma la risposta quale è? L'esempio è quello della torre, sei assieme a un milanista e uno juventino: chi butti giù? a voi l'ardua sentenza.....ma bisogna dirla!!

    Report

    Rispondi

  • scorpione2

    16 Marzo 2012 - 09:09

    piu' tosto il dramma lo fanno loro,in questi anni andavano d'amore e d'accordo per combattere contro l'inter,oggi si scannano accusandosi di chi piu' ruba o rubato.E che dire dell'altro negligente agnelli,quando la gobba era in testa alla classifica parlava in modo estensivo,ora che e' caduta riprende con i soliti piagnistei,ma andate a prenderlo nel c u l o manica di deficenti.

    Report

    Rispondi

blog