Cerca

Sorpasso Juve a Palermo Crollo Milan a San Siro

Serie A, 31° turno: i bianconeri vincono in Sicilia e superano la squadra di Allegri sconfitta in casa dalla Fiorentina

Sorpasso Juve a Palermo Crollo Milan a San Siro

La Juve festeggia la Pasqua in testa al campionato. La squadra di Conte è scesa in campo a Palermo sapendo già il risultato del Milan. Lo stimolo del sorpasso era troppo ghiotto per non sfruttarlo. E i bianconeri non hanno fallito l'obiettivo. Un primo tempo volenteroso con molte occasioni pericolose, poi dopo dieci minuti della ripresa il gol che spezza la resistenza del Palermo. Lo segna Bonucci, sfiorando di testa un angolo di Pirlo. Esultanza euforica del difensore azzurro, al centro di una settimana difficile per il presunto coinvolgimento nella vicenda calcio scommesse. Il Palermo prova a reagire ma la partita viene chiusa da Quagliarella con un bel diagonale di misura nell'angolo basso dove Viviano non può arrivare. I bianconeri chiudono all'attacco, mostrando una condizione fisica strepitosa. La vetta della classifica è riconquistata.
 
Milan molle e sconfitto - Il Milan, quindi, dopo la Champions League, abbandona anche il primo posto in campionato. Un Milan sconcertante, che nel pomeriggio perde 2-1 in casa contro la Fiorentina nel 31° turno di serie A. I rossoneri passano in vantaggio nel primo tempo grazie a un rigore generoso trasformato da Ibrahimovic (lieve trattenuta in area di Nastasic su Maxi Lopez). La squadra di Allegri è abulica e senza qualità: la ripresa inizia col botto, gol di Jovetic dopo 2' in fuga solitaria verso Abbiati. L'unico bagliore del Milan lo regala Antonio Cassano, che torna in campo a 10' dalla fine a 5 mesi dall'ischemia cerebrale che ne ha messo a rischio la carriera. Ma i viola di Delio Rossi sono meglio disposti in campo, più cattivi, più in palla. E al 43' Mexes fa il pasticcio, peggiore di quello di Barcellona in Champions League: salta al limite dell'area ma di testa riesce solo a spizzare all'indietro, lanciando Amauri, triangolo con Jovetic e tocco facile facile in rete. Cambio in vetta, dunque. La Serie A torna martedì e mercoledì con il turno infrasettimanale. Milan a Verona contro il Chievo, Juve impegnata in casa contro la Lazio terza (3-1 al Napoli nel posticipo all'Olimpico). 

Serie A, 31° turno

Udinese-Parma 3-1 (2 Asamoah, Di Natale; Lucarelli)
Chievo-Catania 3-2 (Bradley, Pellissier, Paloschi; aut. Andreolli, Almiron)
Lecce-Roma 4-2 (2 Di Michele, 2 Muriel; Bojan, Lamela)
Atalanta-Siena 1-2 (Schelotto; Larrondo, Destro)
Cesena-Bologna 0-0
Milan-Fiorentina 1-2 (Ibrahimovic rig.; Jovetic, Amauri)
Novara-Genoa 1-1 (Mascara; Rossi)
Cagliari-Inter 2-2 (Astori, Pinilla; Milito, Cambiasso)
Palermo-Juventus 0-2 (Bonucci, Quagliarella)
Lazio-Napoli 3-1 (Candreva, Mauri, Ledesma rig.; Pandev)

Classifica

Juventus 65
Milan 64
Lazio 54
Udinese 51
Napoli 48
Roma 47
Inter 45
Catania 43
Chievo 42
Siena 39
Palermo 39
Cagliari 38
Atalanta 37 (-6)
Bologna 37
Fiorentina 36
Parma 35
Genoa 35
Lecce 31
Novara 25
Cesena 20

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mich123

    09 Aprile 2012 - 13:01

    Il metronomo dei rossoneri. Il gioiello di Bari vecchia. Il Pinturicchio. Del Piero è molto importante per la Juventus. Forse non era fuorigioco, episodio da rivedere (ma rivedere da chi?). Dall' '88 ha pareggiato tre volte, poi dal '92 le statistiche sono cambiate (ma chissenefrega! anche tua sorella è cambiata dal '92). Non c'è verso di guardare una partita in pace senza il solito campionario di retorica e commenti inutili ovvi declamatori e alla fine anche fastidiosi. Se la partita è interessante non c'è bisogno che uno te lo venga a gridare tutti i secondi, lo vediamo da soli. Se invece non lo è non saranno le divagazioni fantasiose di un cronista iper attivo che ci faranno cambiare idea. Pochi commenti appropriati sono sempre apprezzati. Anche perchè con questa aria che tira c'è sempre il pericolo di leggere più tardi che quella partita era truccata.

    Report

    Rispondi

  • marystip

    08 Aprile 2012 - 06:06

    Che significa non dover giocare le Coppe!! Il Milan è cotto e, purtroppo, lo scudetto lo vincerà la squadra più antipatica d'Italia guidata dall'esaltato di Lecce e da capitan Buffone.

    Report

    Rispondi

  • feltroni ve le suona ancora

    07 Aprile 2012 - 17:05

    Un'ottima notizia!

    Report

    Rispondi

blog