Cerca

La Juve si tinge di rossonero Ora vuole Seedorf e Nesta

Entrambi i giocatori del Milan vedranno il loro contratto scadere a giugno. Marotta pronto a ripetere l'operazione Pirlo

La Juve si tinge di rossonero Ora vuole Seedorf e Nesta

Gallina vecchia fa buon brodo. A quanto pare è questo il motto che vige in casa Juve. Se la scommessa Pirlo è stata vinta, ora i bianconeri vogliono riprovarci con Nesta e Seedorf , altri due pilastri che per un decennio hanno aiutato il Milan a vincere tutto. Entrambi vedranno scadere il loro contratto con la società rossonera a giugno e per Marotta questa sarebbe una ghiotta occasione per avere due giocatori di provata esperienza a parametro zero. A chiamare Nesta è stato lo stesso Pirlo: "Nesta alla Juve l'anno prossimo? Gli ho parlato anche di questo, ma sono cose personali. Lui ora gioca in una grande squadra, vedremo cosa farà a fine campionato". Il difensore milanista come il compagno di squadra Seedorf è stato utilizzato con il contagocce da Allegri in questa stagione. Complice l'età e la voglia di rinnovamento in casa Milan, fatto sta che i due senatori rossoneri non hanno ancora parlato di rinnovo con Galliani. E qui si inserirebbe la Juve pronta al colpaccio. Dalle parti di Milanello, la faccenda Pirlo scotta ancora. La società rossonera protrebbe quindi porre il suo niet per evitare di rinforzare ulteriormente la principale avversaria nella corsa scudetto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • TOMMA

    10 Aprile 2012 - 16:04

    Magari, sono comunque a fine carriera e, pur essendo stati dei grandissimi campioni, rappresentano la fine di un ciclo. Il Milan ha bisogno di giovani che non si rompano e abbiano voglia di emergere. Se comunque la notizia fosse vera, sarebbe la prova del nove che il Milanlab è stato un vero fallimento. Via Allegri e anche Galliani. Ma, forse sogno. ps. con le ultime vicissitudini di Pato hanno proprio toccato il fondo. Mandano Galliani in Inghilterra a firmare e, giunto lì, telefona Berlusconi per dire che non se ne fa nulla. Se non ci fosse da piangere sarebbe una vera comica.

    Report

    Rispondi

blog