Cerca

start-up

Arriva Free Duck4, primo veicolo elettrico per spazzamento urbano

Arriva Free Duck4, primo veicolo elettrico per spazzamento urbano

Roma, 9 dic. (Labitalia) - Le idee d'impresa si fanno largo anche nei centri urbani. Arriva, infatti, Free Duck4, il primo veicolo elettrico targato Gorent per lo spazzamento urbano. Gorent, leader in Italia nel settore del noleggio di veicoli per i servizi di igiene urbana, da sempre impegnata in favore della sostenibilità, in collaborazione con Ducati Energia spa, ha contribuito a sviluppare Free Duck4, la versione del veicolo per lo spazzamento, cioè con un bidone posteriore e i porta pala e scopa.

Il nuovo mezzo Gorent è, infatti, un quadriciclo elettrico leggero porta bidone, a emissioni zero. E' adatto a far fronte a tutte le problematiche connesse alla mobilità soprattutto nei centri storici e nelle aree pedonali delle nostre città, nelle zone ad alta densità di popolazione o nelle aree verdi.

E' maneggevole e ha dimensioni modeste (182X175X104 cm) per attraversare anche i vicoli più stretti. Basta un patentino cig per scooter 50cc per guidare Free Duck4, che permette di trasportare un bidone da 120 litri, con un’autonomia di 100 km.

“Free Duck4 -dichiara Furio Fabbri, presidente Gorent spa- è il mezzo che rappresenta al meglio il nostro impegno nei confronti della sostenibilità. Abbiamo al momento a disposizione 15 veicoli, ma il nostro obiettivo è di averne disponibili molti di più per soddisfare le numerose richieste già pervenute, sia in Italia, da Comuni come Trieste, Cordovado (Padova), Gradisca di Isonzo (Gorizia), Forlì, Siena, Magliano Sabina (Roma), Quadrelle (Avellino), Caserta e Agrigento, sia dall’estero, in particolare dall’Egitto, dalla Croazia e dalla Bulgaria".

"E' un mezzo per l’igiene urbana eccezionale in grado di salvaguardare l’ambiente, il patrimonio artistico e la salute dei cittadini”, sottolinea.

Oltre a Free Duck4, Gorent vanta una flotta, circa 600 unità, a basso impatto ambientale. E', inoltre, la prima azienda ad applicare lo standard product carbon footprint: il calcolo delle emissioni di CO2eq lungo l’intero ciclo di vita del servizio, rispetto al quantitativo dei rifiuti trasportati, dei chilometri percorsi e alla tipologia di veicolo, permette di ottenere la certificazione di conformità Iso 14067 e di attuare un piano per le riduzione nel tempo delle emissioni di CO2eq con azioni di miglioramento gestionali e tecnologiche mirate all’ottimizzazione dei costi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog