Cerca

Sostanze pericolose negli smalti per unghie secondo una ricerca californiana

Sostenibilita

0

Los Angeles, 17 apr. -(Adnkronos) - Patite della nail-art, delle unghie maculate, rosso-fuoco, nere, alla francese, in guardia! Il Dipartimento per le Sostanze Tossiche della California ha rilasciato uno studio, riportato dal sito 'thedailygreen', nel quale si afferma che gli smalti usati per la decorazione delle unghie conterrebbero un trio tossico di sostanze chimiche, il dibutilftalato, il toluene e la formaldeide. Secondo lo studio, nonostante sulle etichette degli smalti sia riportata la dicitura ''non contiene sostanze pericolose'', in realtà questi tre elementi ci sarebbero e costituirebbero un fattore di rischio non tanto per le donne che 'indossano' lo smalto ma per i lavoranti del salone di bellezza che devono maneggiarne quotidianamente in considerevoli quantità.

Il dibutilftalato e il toluene sono riconosciuti dal Dipartimento come tossine dello sviluppo mentre la formaldeide è riconosciuta come cancerogena dall'Agenzia federale americana sulla protezione dell'ambiente. Lo studio ha esaminato un numero limitato di prodotti, 25 in sei categorie, utilizzati nei saloni nella zona della baia di San Francisco. Dei 25, 12 non contengono almeno uno dei prodotti chimici a rischio ed in 7 non sono state trovate tracce di nessuno dei tre; ma sul totale di quelli che hanno dichiarato di non avere nessuna delle tre sostanze solo due hanno visto le loro affermazioni confermate dai test a cui sono stati sottoposti.

Associazioni di consumatori statunitensi hanno chiesto che le società produttrici di smalti applichino una maggiore trasparenza sui componenti dei loro prodotti e secondo Lisa Archer, direttore della 'Campagna per i cosmetici sicuri' presso la Breast cancer Found, ''i consumatori ne hanno abbastanza di dover avere a che fare con un sistema che tollera queste situazioni. Abbiamo bisogno, ha concluso, di leggi nuove che facciano piazza pulita di vecchie norme che non tutelano la sicurezza dei lavoratori e dei consumatori''

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media