Cerca

Il videocommento

Senaldi: Il processo ai vertici del Pdl

Pietro Senaldi: "Facce nuove e un nuovo programma, non serve a nulla cambiare il nome"

Il direttore di Libero, Maurizio Belpietro, si rivolge ai vertici del Pdl: "Dimettetevi tutti". Il punto, come spiega il vicedirettore Pietro Senaldi, è che dopo la batosta storica presa dagli azzurri alle amministrative il partito non ha offerto alcuna spiegazione convincente. C'è chi parla di primarie, chi vuole cambiare il nome e chi invoca il ritorno di Silvio Berlusconi. Ma gli elettori, che per 20 anni hanno accordato il loro consenso al Pdl, sono esausti. Il sentimento è comune, diffuso, e si è tradottoin un voto di protesta. Per cambiare la rotta serve un nuovo programma e volti nuovi, non mutare nome e contenitore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imahfu

    28 Maggio 2012 - 21:09

    Berlusconi e il PDL (l'uno é sinonimo dell'altro) SONO FINITI. Servono come rincalzo di qualcuno ma per ora nessuno li vuole.

    Report

    Rispondi

  • allianz

    26 Maggio 2012 - 13:01

    Parma non vi dice nulla?Il PDL dal 55% è passato di colpo al 4%....E continua a sostenere Monti.Continuate così che alla prossime politiche sparurete del tutto.

    Report

    Rispondi

  • ABU NAWAS

    26 Maggio 2012 - 12:12

    Dovrebbe andare subito alle elezioni, e con la legge elettorale in vigore! Ne uscirebbe nuovamente con una maggioranza assoluta! Potrebbe così fare quelle riforme di cui l'Italia ha ormai urgentemente bisogno (vietare il precariato, accentuare la lotta agli sprechi e all'evasione fiscale, ridurre i parlamentari, annullare i finanziamenti pubblici ai partiti, depoliticizzare della Giustizia, maggiori poteri al Primo Ministro e….. Presidente della Repubblica eletto dai cittadini. Sarà forse un miracolo? Gli Italiani ci sperano ancora e – soprattutto – ne hanno urgentemente bisogno!!

    Report

    Rispondi

  • eaman

    23 Maggio 2012 - 18:06

    Allora cominciamo: quali salviamo e quali se ne vanno? Brambilla o Carfagna? Minetti o Meloni? Gasparri o laRussa? Nucleare o raccolta differenziata? Decoder digitali gratis per tutti o banda larga? Abrogazioni privilegi ai partiti o leggi anti intercettazioni? Leggi per il conflitto di interesse o Masi in RAI e lavitola in finmeccanica? Putin o Obama abbronzato?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog