Cerca

Toghe in guerra

Senaldi: La morte al Colle rompe l'asse delle procure

Dopo lo sfogo di Napolitano, i magistrati si rivoltano contro i colleghi. Presto la legge sulle intercettazioni?

Napolitano: Pm assassini. "Un titolo praticamente fattuale con cui abbiamo riportato la polemica tra il Colle e la procura di Palermo che ha seguito la morte del collaboratore del Quirinale, Loris D'Ambrosio, finito al centro delle attenzioni mediatiche per la famosa telefonata con l'ex ministro Nicola Mancino, inquadrata nella cosiddetta trattativa tra Stato e mafia", spiega il vicedirettore di Libero,Pietro Senaldi. "Questa morte segnerà uno spartiacque fondamentale nella vicenda ventennale del cortocircuito massmediatico tra pm, giornali e politica". Napolitano ha attaccato la procura, che si è spaccata: i magistrati sono andati contro i colleghi di Palermo. Ma la condanna del Presidente della Repubblica è tardiva di qualche decennio: e quando l'intercettato era Berlusconi?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog