Cerca

Immagini forti: il video

Immagini forti: la crocifissione di una "spia" in Yemen

Aveva aiutato le forze Usa a rintracciare degli estremisti: è stato ucciso in croce

Immagini forti che provengono dallo Yemen. Una "spia" è stata crocifissa da un gruppo di estermisti islamici dopo aver piazzato dei sensori all'interno delle macchine di alcuni militanti, cimici che avrebbero permesso alle forze statunitensi di rintracciarlo. I fatti risalgono alla recente rivolta in Yemen.

Yemen

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • autores

    05 Settembre 2012 - 18:06

    Io ho in odio gli U.S.A. e Israele e l'unica cosa che capisco di questa notizia e' che gli U.S.a. ha sbagliato ad andare nello Yemen a fare queste cose ed e' qualcuno che e' dalla sua parte che ha parlato e tradito la spia.Il motivo? Queste cose gli U.s.a. le deve fare in Arabia Saudita e non nello Yemen.

    Report

    Rispondi

  • Satanasso

    05 Settembre 2012 - 15:03

    Hanno fatto bene...Anche gli immigrati islamici in Italia dovrebbero fare altrettanto con gli "intellettuali" di sinistra terzomondisti e cocainomani,cosi' imparano ad andare con la keffiah a difendere i palestinesi rinnegando la propria cultura occidentale !

    Report

    Rispondi

  • 19gig50

    05 Settembre 2012 - 14:02

    Quando saranno la maggioranza anche qui da noi e impaleranno anche i sinistri che oggi li appoggiano... magari a qualcono farà anche piacere!

    Report

    Rispondi

  • Barbadifrate

    05 Settembre 2012 - 14:02

    E Tarik Ramadan, egiziano con cittadinanza svizzera, professore di islamismo a Londra, insegna che l'islamismo è pacifico. Non parla di lapidazioni, di crocifissioni,.... ecc. Oggi, ai giovani non si insegna più la morale, si lasciano i vuoti nei cervelli e i "maestri" trovano terreno facile, fertile. Ecco perché anche da noi sono molti che trovano il "bene" nell'islam.

    Report

    Rispondi

blog