Cerca

Somma Vesuviana

Il consigliere Pdl canta Faccetta Nera: è bufera

Il video caricato su Facebook ha mandato su tutte le furie i politici del Pd locale

Una parentela pro Mussolini quella di Di Sarno: il cugino era uno storico militante del Msi. Il presidente del consiglio del comune è stato eletto nel 2008 nell'allora An, partito poi confluito nel Pdl

Il presidente del Consiglio comunale di Somma Vesuviana, in provincia di Napoli, Carmine Di Sarno, ripreso mentre fa il saluto romano sulle note dell’inno fascista Faccetta nera e pubblica il video pubblicato su Facebook e sul sito de La Provincia. Di Sarno è stato eletto nel 2008 in An, partito poi confluito nel Pdl. Una parentela pro Mussolini quella di Di Sarno: il cugino era uno storico militante del Msi. Nella scena compare anche la nipote del sindaco Raffaele Allocca, del Pdl, che è stata assunta nella segreteria del primo cittadino. Intanto, il Pd non ci sta e si rivolge al prefetto.

Somma Vesuviana

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • giornali

    27 Settembre 2012 - 18:06

    E' proprio vero che per una buona metà degli italiani la guerra non è mai finita. Mi auguro che quel Prefetto, vedendo il video e soprattutto il contesto (scherzoso) in cui tutto è accaduto, liquidi il fatto con un'alzata di spalle. Buffoni!

    Report

    Rispondi

  • giornali

    27 Settembre 2012 - 18:06

    fintantoché continueranno ad essere legali Bandiera Rossa e la Falce e il Martello. Oppure illegali entrambe. A quando una legge che ristabilisca la giustizia?

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    20 Settembre 2012 - 11:11

    quando mai lei ha sentito o visto qualcuno del PD fare apologia del comunismo? Le faccio poi notare che c'è una bella differenza tra il cantare Bella ciao e Faccetta nera: la seconda ricorda un regime dittatoriale, la prima invece, la liberazione da esso e la democrazia; democrazia per la quale lei, ora, può liberamente scrivere e manifestare il suo dissenso contro il potere costituito, cosa che non si poteva fare ai tempi di Faccetta nera. Non mi sembra poco

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    20 Settembre 2012 - 11:11

    ad ognicitazione crescono di 10 in 10, i milioni. I padri del PD non hanno mai gongolato per Tiennammen come nemmeno per l'invasione dell'Afganistan, atti che hanno invece sempre criticato: non hanno mai appoggiato il terrorismo palestinese ma le loro ragioni di esistere come Stato (Israele li chiam Territori occupati e colonie; non terreni propri); si vada a leggere le cronache dell'epoca. Il PD non ha mai inneggiato aal tracollo del Paese: lo ha governato per 8/) degli ultimi anni e quando la ha lasciato alla DX stava molto meglio di come ce lo ha lasciato la DX.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog