Cerca

La telefonata

Di Caterina a Belpietro: "Il sistema Sesto esisteva. Se non pagavi, non lavoravi"

L'imprenditore grande accusatore di Filippo Penati: "Nel 2006 ho denunciato il malaffare, nessuno mi credeva e ora mi accusano di essere correo"

1

"Non nascondiamoci dietro un dito. Per lavorare con le amministrazioni pubbliche bisogna pagare". Piero Di Caterina, l'imprenditore di Sesto San Giovanni grande accusatore dell'ex sindaco di Sesto e presidente della Provincia di Milano, Filippo Penati, conferma l'impostazione della Procura di Monza che ha parlato di "sistema Sesto" orchestrato da Penati e dal Pd. "Io pagavo, poi nel 2006 ho cominciato a denunciare il malaffare", ha detto Di Caterina al direttore di Libero Maurizio Belpietro a La telefonata su Canale 5. "Nessuno mi ha preso sul serio e adesso mi accusano di essere correo".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allianz

    04 Ottobre 2012 - 15:03

    A me per espletare il servizio postale che svolgeva una azienda di trasporto ********molto nota,hanno chiesto 350 milioni.Del 93.Li ho mandati a fan***lo ed ho intrapreso la mia attività all'estero dove non ho pagato nulla e ho fatto i soldi.

    Report

    Rispondi

media