Cerca

La telefonata

Di Caterina a Belpietro: "Il sistema Sesto esisteva. Se non pagavi, non lavoravi"

L'imprenditore grande accusatore di Filippo Penati: "Nel 2006 ho denunciato il malaffare, nessuno mi credeva e ora mi accusano di essere correo"

"Non nascondiamoci dietro un dito. Per lavorare con le amministrazioni pubbliche bisogna pagare". Piero Di Caterina, l'imprenditore di Sesto San Giovanni grande accusatore dell'ex sindaco di Sesto e presidente della Provincia di Milano, Filippo Penati, conferma l'impostazione della Procura di Monza che ha parlato di "sistema Sesto" orchestrato da Penati e dal Pd. "Io pagavo, poi nel 2006 ho cominciato a denunciare il malaffare", ha detto Di Caterina al direttore di Libero Maurizio Belpietro a La telefonata su Canale 5. "Nessuno mi ha preso sul serio e adesso mi accusano di essere correo".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • allianz

    04 Ottobre 2012 - 15:03

    A me per espletare il servizio postale che svolgeva una azienda di trasporto ********molto nota,hanno chiesto 350 milioni.Del 93.Li ho mandati a fan***lo ed ho intrapreso la mia attività all'estero dove non ho pagato nulla e ho fatto i soldi.

    Report

    Rispondi

blog