Cerca

Baby pensionato col secondo lavoro

Ecco il falso finanziere che intasca mazzette vere: arrestato

A Como un uomo di 55 anni, ex impiegato pubblico, si fingeva agente della Guardia di Finanza per intascare bustarelle dagli esercenti

La titolare di una pizzeria, insospettita dal modo di fare del presunto finanziere, ha chiamato il 117 mettendo la polizia tributaria sulle sue tracce

 

Arrestato un finto finanziere che incassava mazzette vere. Si presentava agli esercenti con la falsa identità di Mario Radaelli, qualificandosi come agente della Guardia di Finanza ed estorcendo bustarelle in cambio di aiuti per evitare indagini fiscali. Ma il suo vero nome è Mario Visconti, ha 55 anni ed è in pensione da pochi mesi dopo essere stato dipendente della Provincia di Como. I finanzieri (quelli veri) l'hanno preso dopo essere stati contattati dalla titolare di una pizzeria, insospettita dal modo di fare del sedicente agente.

Baby pensionato col secondo lavoro - Il truffatore aveva detto alla ristoratrice di Cadorago (Como) di aver trovato il suo nome in una black list della Guardia di Finanza. Le sue autorizzazioni non erano a posto, sosteneva l'uomo, e presto sarebbero arrivati i guai, a meno che lei non gli avesse dato 100 euro per risolvere il problema. Colta alla sprovvista, la donna ha dato 60 euro a Mario Radelli\Visconti, fissando un appuntamento al giorno successivo per il pagamento della seconda tranche. Dopodichè ha chiamato il 117.

Il tranello - Gli agenti della Guardia di Finanza si sono infiltrati nel ristorante, camuffandosi da pizzaioli, per filmare il pagamento della bustarella ed assistere all'estorsione. Al momento dell'arresto, il truffatore stava raccontando fasulle operazioni spericolate degne di uomo senza paura. I finanzieri, irriverenti, l'hanno salutato "collega".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • IuniusBrutus

    25 Ottobre 2012 - 21:09

    Divertente sarebbe la notizia del finanziere vero che intasca mazzette ...false! Oppure che, dopo averlo chiamato ironicamente collega, lo avessero denunciato per il reato di concorrenza sleale!

    Report

    Rispondi

blog