Cerca

Guarda il video

Gesto dell'ombrello del ministro francese all'Algeria

"Risarcirvi i danni di guerra? Tiè!". Ecco l'elegante risposta di Longuet che fa infuriare il nordafrica

Tra Francia e Algeria, da anni, non corre buon sangue. Il motivo, i crimini di guerra commessi in epoca coloniale e per i quali Algeri chiede un'ammissione chiara di responsabilità. E tutti i dissapori sono riemersi mercoledì sera, al termine di un talk show su un canale tv francese, in un episodio che è rimbalzato su tutti i media transalpini ma soprattutto algerini. Gerard Longuet, senatore dell'Ump ed ex ministro della Difesa col governo di Nicolas Sarkozy, ha risposto con un plateale gesto dell'ombrello a una richiesta del ministro algerino dei Moudjahidine (i combattenti per l'indipendenza, ndr), Mohamed Cherif Abbas, che gli chiedeva un "riconoscimento franco dei crimini perpetrati dal colonialismo francese". Il gesto di Longuet è stato ripreso da una telecamera che era rimasta accesa. Durissimi i commenti su quanto avventuo e che circolano in Algeria. Ancor peggiore il tentativo di giustificarsi del ministro transalpino: "Si tratta di un gesto che appartiene alla cultura popolare".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • orconero

    02 Novembre 2012 - 18:06

    Che i francesi siano stronzi e arroganti non ci piove, ma almeno hanno il senso nazionale. Da noi e' vietato, perche' nazionalismo e' come fascismo, quindi 70 anni a braghe calate e culo alto, chiunque puo' entrare. Regalata parte dell'Istria con Il trattato di Osimo in cambio di un cazzo, restituito l'obelisco di Axum, che fara' anche schifo ma per principio non si restituisce, e altre porcherie che non voglio decrivere. Se fossi l'Etiopia chiederei i danni di guerra all'Italia, e' certo che monti ci tassa e li paga.

    Report

    Rispondi

  • gianko

    02 Novembre 2012 - 18:06

    scrivi: "..Muti, Italiano cazzuto, da solo li ha affrontati e gli ha gonfiato la faccia..." sì ma Muti era un gigante, aveva il physique du rôle, a parte l'indubbio coraggio dimostrato in guerra (era il più medagliato d'Italia) classico romagnolo sanguigno, per poter essere arruolato come volontario falsificò la carta d'identità, poiché aveva solo 15 anni .. poi finì con una pallottola alla schiena sparatagli dai carabinieri dopo l'8 Settembre '43, nella pineta di Fregene (anche per questo bisogna 'ringraziare' Badoglio, 'sta figura repellente di generale fellone..)

    Report

    Rispondi

  • raucher

    02 Novembre 2012 - 12:12

    a causa dell'incredibile quantità di algerini che si ritrovano sul gobbone.Se li sono voluti , ringrazino il loro grande e osannato De Gaulle.

    Report

    Rispondi

  • franziscus

    01 Novembre 2012 - 23:11

    ben fatto.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog