Cerca

Russia/ IL VIDEO

"Allah è gay", la marcia anti Putin degli ultranazionalisti

Ventimila estremisti di destra in corteo contro le politiche sull'immigrazione

Migliaia di ultranazionalisti russi hanno preso parte ieri, domenica 4 novembre, a Mosca, alla marcia che si tiene annualmente nella Giornata dell’unità nazionale, che ricorda la cacciata dei polacchi e dei lituani da Mosca, avvenuta nel 1612. Secondo gli organizzatori 20mila persone hanno preso parte alla protesta: per la prima volta la marcia è stata autorizzata  ad attraversare il centro della città. I partecipanti, al grido di "Allah è gay" e la "Russia ai russi", hanno contestato Putin, definendo troppo permissiva la sua politica in materia di immigrazione. 

Ma la marcia è stata aspramente criticata dagli attivisti dei diritti civili: recentemente nel Paese gli immigrati, in particolare quelli provenienti dal Caucaso e dall’Asia centrale, sono stati ripetutamente vittima di attacchi da parte di esponenti di gruppi dell’estrema destra. Decine di marce analoghe a quella che si è svolta a Mosca sono state organizzate in tutta la Russia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog