Cerca

Orrore a Mosca

La ex lo lascia e lui fa una strage: 5 morti

Armato di carabina e fucile, Dmitri Vinogradov, un avvocato di 30 anni, ha scatenato tutta la sua rabbia per l'addio contro i colleghi della donna, assente al momento della tragedia

Una carneficina che forse poteva si poteva evitare: sui social network, il killer aveva postato un manifesto ideologico in cui spiegava di odiare l'umanità: "L'uomo come creatura è uno sbaglio genetico, e per questo deve essere annientato dal pianeta"

Orrore a Mossca. Dmitri Vinogradov, 30 anni, mercoledì mattina ha ucciso con una carabina e un fucile Bonelli cinque persone, ferendone gravemente altre due. La strage per vendicarsi dell'addio della ex. Legale in una società farmaceutica, Vinogradov era stato di recente lasciato dalla fidanzata, sua collega. Mercoledì si è presentato nella sua società, dove tutti lo conoscevano, e ha aperto il fuoco sugli impiegati ma l'obiettivo della sua furia in quel momento non era in ufficio. Fermato dai poliziotti, ha confessato che la sua intenzione era di uccidere più gente possibile e che aveva passato gli ultimi cinque giorni a bere. Una tragedia che forse poteva si poteva evitare: sui social network, il killer aveva postato un manifesto ideologico in cui spiegava di odiare l'umanità: "L'uomo come creatura è uno sbaglio genetico, e per questo deve essere annientato dal pianeta". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog