Cerca

Cosa è successo

Guarda il video: I lacrimogeni rimbalzano contro il ministero, non vengono lanciati dall'interno

Retromarcia (anche) di "Repubblica": "Plausibile la versione del Questore. Forse i fumogeni arrivavano da Trastevere"

Ecco il video che smentisce che i lacrimogeni siano stati lanciati dall'interno del ministero. Nonostante il commento di chi riprende, nel rallenty è evidente che i lacrimogeni rimbalzino contro la parete del dicastero per poi cadere in strada.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • achina

    20 Novembre 2012 - 14:02

    A mio molto personale giudizio, le forze dell'ordine avrebbero tutto il diritto di lanciare non due lacrimogeni, ma mille. Detto questo aggiungo: mi sembre molto sospetto che dei ragazzi, come si vede e si sente nel filmato riprendano per più secondi la parte alta dell'edificio, ma non la parte sottostante dove vi sono gli scontri, fino a quando (cosa ancor più strana) si vedono i lacrimogeni.

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    19 Novembre 2012 - 19:07

    Poi c'é il fatto che la portata max dei lancia lacrimogeni, in direzione retta é di 100-150 m. e non si vede nessuno con gli aggeggi lancia lacrimogeni che sono a disposizione delle FF. dell'Ordine ma che i facinorosi al massimo raccolgono e rigettano verso la Polizia (non con fucili allo scopo). Un'analisi piu' approfondita potrà essere piu' precisa su un dettaglio, poiché non sono i lacrimogeni i colpevoli di manganellate gratuire

    Report

    Rispondi

  • cecco61

    17 Novembre 2012 - 17:05

    Sinceramente non capisco quale sia il problema: e se anche li avessero tirati dal Ministero, a mio avviso, avrebbero fatto benissimo. Hanno ottenuto l'effetto di disperdere ai quattro venti una massa di imbecilli che lì non avrebbe nepppure dovuto esserci ma arrivats dopo aver forzato un blocco di polizia con spranghe, bulloni, sassi e simili. Fa poi ridere il fatto che questi "bravi ragazzi" scendano in piazza per abbattere il sistema e poi, beccati, chiedano a quello stesso sitema di difenderli. Sembrano la brigatista Lioce che volle e ottenne l'avvocato d'ufficio, garantito da quel sistema che lei ha cercato di distruggere con le armi in pugno. Logica e coerenza, queste sconosciute. E chi li difende? Solo se attaccano gli altri perché se fossero loro gli attaccati, altro che solo i manganelli, chiederebbero pistole spianate ad alzo zero.

    Report

    Rispondi

  • do72

    17 Novembre 2012 - 14:02

    abbiamo degli olimpionici fra gli studenti e non lo sapevamo?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog