Cerca

Videoeditoriale

De' Manzoni: l'arresto di Sallusti è una vergogna per l'Italia

Uno scandalo. Una cosa incredibile a vedersi in Italia nel 2012: la polizia entra nella redazione di un giornale e arresta il direttore. E' accaduto stamattina a Milano ad Alessandro Sallusti, nella redazione de Il Giornale. Una vergogna che ci metterà alla berlina in tutto il mondo. Ma ancora più vergognoso è che a più di un'ora dall'arresto di Sallusti non vi siano state reazioni da parte della categoria: gente che è abituata a inondare le agenzie e i social network delle più inutili cose, stamattina tace mentre un collega viene arrestato in redazione. "Penso di parlare a nome di tutti i giornalisti di Libero - spiega il vicedirettore Massimo de' Manzoni subito dopo la notizia dell'arresto di Sallusti, prima del processo per direttissima che lo vedrà ai domiciliari fino a giovedì prossimo - quando dico che noi oggi ci vergognamo di essere italiani"

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • paolo44

    03 Dicembre 2012 - 12:12

    I vari leccapiedi della casta, la Casta stessa, gli squallidi partiti politici, anche quelli "liberali" a chiacchiere, tacciono sereni. Luridi porci ci hanno ridotto peggio della DDR,sia per la mancanza di libertà che per la miseria. E loro ingrassano alla faccia nostra. RIVOLUZIONE!

    Report

    Rispondi

  • gioant

    03 Dicembre 2012 - 07:07

    La vergogna è che la legge non è uguale per tutti.la vergogna è che un poveraccio vada in galera per davvero per un tozzo di pane.L'Italia è un paese vergognoso in quasi tutto!allora che c'è da vergognarsi in questa faccenda?

    Report

    Rispondi

  • James Baker

    03 Dicembre 2012 - 00:12

    Resistere, resistere, resistere é il loro motto. Ma resistere a chi ? questa é la domanda che Voi tutti dovete porvi e con i lumi del buon senso cercare di dare una risposta. Desidero ricordare che l' Italia non é stata liberata dai cosiddetti partigiani, ma da semplici cittadini che conoscevano i sentieri del massiccio della Maiella. Semplici cittadini che non sapevano niente di politica ma avevano nel cuore il significato di Italia, della nostra Italia. Ma Voi credete veramente che Craxi sarebbe morto in Tunisia, e che Tortora sarebbe morto come é morto, e che Sallusti sarebbe finito in galera (domiciliari), e che Montanelli ..., e che Riina ..., e che Falcone ..., e che Monti ..., e che ..., e che ..., e che ..., e che Berlusconi TRE VOLTE ..., se qualcuno morto sarebbe ancora vivo ??? Meditate, gente. Meditate. E Voi pensate veramente che il signor Bersani sarebbe stato eletto candidato premier ??? Vi ricordo che premier non é parola del nostro vocabolario. E' CHIARO ?????

    Report

    Rispondi

  • James Baker

    02 Dicembre 2012 - 23:11

    Per dire, Direttore, che scrivere a certa gente, significa umiliare ancora più profondamente il protagonista di questa tragedia. Parlo della Storia, della nostra Storia, di tutte le persone che hanno dato la Vita per molto meno della "" Libertà di espressione."". Scrivere ... dopo tutti gli appelli che sono stati inoltrati, rimasti inevasi per sfoggio di potenza e/o onnipotenza di un bene che non gli appartiene. Questo "" essere "" é stato eletto da un Parlamento e mette a comandare chi gli pare, ma quello che é peggio, toglie di mezzo i suoi ostacoli con sistemi che la nostra cultura non conosce. Lei se lo ricorda cosa accadde ad Aldo Moro ? Sia ringraziato il Signore, che sta ai domiciliari ...! Provi a pensare un po' più lontano, e la mia lettera Le sarà un po' più comprensibile. E' per questo che non mi basteranno mai mille caratteri, per gridare una sola parola LIBERTA'. Comunque grazie per avermi accolto. james baker.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog