Cerca

Sul blog del comico

Grillo risponde a Napolitano
con un controdiscorso alla nazione

Napolitano, in un passaggio del suo discorso di fine anno, aveva attaccato l'antipolitica. Grillo si sente chiamato in causa e risponde: "Stai preparando un colpo di Stato"

 

Un vero e proprio controcanto al messaggio di fine anno di Giorgio Napolitano che in un passaggio, parlando dell'antipolitica, aveva attaccato indirettamente Beppe Grillo. La reazione del comico non si è fatta attendere: ha affidato alla Rete e poi postato sul suo blog un video in cui dice esattamentre il contrario di quanto afferma (sul sito del Quirinale, ma anche sulle principali reti nazionali) il Capo dello Stato. Il quale Capo dello Stato - accusa - si prepara ad un nuovo "golpettino": il secondo incarico a Monti. "Le uniche certezze che abbiamo sul 2013 è che l’economia sarà peggiore del 2012 e che i responsabili del fallimento politico ed economico dell’Italia non se ne vorranno andare", esordisce il comico, "Alle prossime elezioni si ripresenterà tutto il ciarpame della Seconda Repubblica, da Berlusconi, a Bersani, da Fini a Casini".

 "Le elezioni anticipate sono state decise a tavolino per escludere il M5S, non solo per una questione di numero di firme, ma per il pochissimo tempo a disposizione", sottolinea Grillo, "Se non ci fossimo preparati per tempo, dalla scorsa estate, saremmo già fuori dal Parlamento".   Quindi "per la firma sulle liste elettorali bisogna disporre di due delegati ufficiali per ogni circoscrizione elettorale, avere le liste con tutti i nomi complete per ogni collegio elettorale, predisporre i moduli senza sbagliare una sola parola e i moduli sono diversi per Senato e Camera, per le Regioni a Statuto Speciale e per le Circoscrizioni estere, è necessario avere un pubblico ufficiale ad ogni banchetto per vidimare le firme, quindi portare i moduli nei Comuni dei singoli firmatari per verificarne l’appartenenza al Comune. Una volta fatto tutto questo, i delegati devono depositare le liste nei tribunali di rifermento delle circoscrizioni".

 "Quando è avvenuto il colpettino di Stato con Rigor Montis che si è sfiduciato da solo senza sentire neppure l’obbligo di farlo di fronte alle Camere, il tempo a nostra disposizione era così limitato che solo alle 4 di notte siamo riusciti ad inviare i moduli ai delegati, era sabato mattina di metà dicembre, e nel pomeriggio abbiamo iniziato a raccogliere le firme", prosegue il comico, "Io ho fatto due massacro tour in due fine settimana, uno al centro nord e l’altro al Sud con il camper, ho tenuto trenta comizi in quattro giorni. Dopo, solo dopo, le firme necessarie sono state abbassate dal Governo a un quarto per favorire la lista Monti e la data delle elezioni è stata spostata di una settimana".   Insomma, "giochiamo contro dei bari della democrazia. In questa folle raccolta dalla quale sono esentati tutti i partiti presenti in Parlamento e chi si accorpa con loro, ho conosciuto una nuova realtà: i consolati italiani all’estero. E’ in atto un boicottaggio per impedirci di raccogliere le firme dei nostri emigrati. Quando si presentano trovano quasi sempre il consolato chiuso, se telefonano dicono che non sono competenti. Nessuno risponde al citofono. Questo è uno scandalo di cui chiederemo comunque conto e valuteremo gli estremi di cause legali contro alcuni consolati. Faccio un appello in particolare alle città con più italiani delle quattro circoscrizioni: Londra, New York, Buenos Aires e Sidney. Andate a firmare. Ai loro parenti e amici in Italia chiedo di avvertirli. In questo percorso a ostacoli per impedire al M5S di entrare in Parlamento si gioca il futuro della democrazia in Italia".

 "Se ci impediranno con la burocrazia o con altri mezzi di partecipare alle elezioni, ci aspetta un nuovo fascismo, un’Alba Dorata all’italiana. Senza un cambiamento democratico l’Italia è condannata", è quindi l'avvertimento di Grillo, "Questi se ne devono andare. Se non sarà il M5S con le buone, arriverà qualcuno che lo farà con le cattive. Il M5S in fondo è la loro assicurazione sulla vita. Questa classe politica ha distrutto il Paese e ora ha la faccia di bronzo di proporsi come la cura. Gente come Monti, l’ex consulente di Cirino Pomicino allora ministro del Tesoro fece esplodere il debito pubblico, come Bersani che ha governato con il centro sinistra per dieci degli ultimi vent'anni il Paese, come il mentitore professionale Berlusconi, come Napolitano che denuncia i guasti della politica della quale vive dagli anni 50. Se ne devono andare con i loro giornali, i loro servi delle televisioni".   Ce n'è anche per il Colle. "L'anticipo elezioni consente a Napolitano di scegliere il prossimo presidente del Consiglio, lui vuole Monti e Monti sarà. E’ un altro colpetto di Stato", rileva Grillo, "Se le elezioni si fossero tenute ad aprile il prossimo presidente del Consiglio sarebbe stato nominato dal nuovo presidente della Repubblica eletto con i voti del M5S e allora addio Monti, Merkel, BCE. Dopo più di un anno Rigor Montis ha tradito ogni promessa, il debito pubblico è aumentato di 100 miliardi nonostante nuove tasse, disoccupazione mai vista dal dopoguerra, prodotto industriale in picchiata. Monti ha fallito e deve togliere il disturbo insieme ai suoi sostenitori di Pdl, Pd e Udc che hanno votato qualunque infamia nel 2012".

E se Napolitano dice che non bisogna cadere nell’antipolitica, Grillo conclude: "L'Italia deve riprendersi la sua sovranità, il suo futuro, ha bisogno di cittadini onesti e capaci e non corrompili dal vecchio Sistema, Nel 2012 il M5S è diventato il secondo gruppo politico, ha fatto eleggere sindaci giovani e capaci, come a Parma, è diventato il primo movimento politico in Sicilia. Leggete sul blog il programma, diffondetelo. Se il M5S andrà al Governo proporrà il reddito di cittadinanza come avviene nei Paesi più civili. Nessuno deve restare indietro. Nel 2013 il suo obiettivo è di vincere le elezioni e restituire la democrazia a questo Paese. Buon anno a tutti. Sarà speciale, sarà micidiale, sarà un anno indimenticabile. L’importante è esserci per cambiare l'Italia".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • charmant2

    05 Gennaio 2013 - 10:10

    ricordandoci tutto quello che farai,e tu lo farai davvero. Per noi peones e non, è una droga che ci da fiducia e speranza e ci allontana dal pensare al suicidio come soluzione ai nostri problemi. Devi ogni giorno ricordarci quello che hai in mente di fare e se davvero manderai dove meglio credi tutti questi succhiatori del sangue che ancora ci resta.Ripeticelo.

    Report

    Rispondi

  • charmant2

    05 Gennaio 2013 - 10:10

    che ci sta letteralmente affamando e che lo si prega di smetterla per non indurci a pensare ai forconi come soluzione. Ricordagli che riducendo di due terzi tutto il sangue succhiato da tutti i politici,facendo pagare alle puttane le tasse come noi tutti e vendendo le cattedrali nel deserto che costano un occhio,potremmo ridurre il debito pubblico,cancrena che ci ucciderà

    Report

    Rispondi

  • charmant2

    05 Gennaio 2013 - 10:10

    non devi assolutamente dimenticare con i tuoi sermoni, che a noi piace "voluttuosamente" sentirti dire come punirai gli intrallazzatori del momento,a quanto glielo ridurrari lo stipendio immeritato e rubato da anni ed anni.A tanti On ricordare che,al Governo,devono stare al massimo per due legislature e tante e tante altre belle cose da fare."Capito mi hai"

    Report

    Rispondi

  • charmant2

    05 Gennaio 2013 - 10:10

    Per il ritardo con cui avete organizzato e preparato il partito alla consultazione,pagherete lo scotto. Siete pregati di darvi da fare e non dare l'impressione di rinunciare alla lotta cruenta poichè ciò causerebbe delle defezioni. Purtroppo gli esseri umani sono fatti così:si accodano sempre a chi da l'impressione di vincere.Non demordete.Avanti sempre.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog