Cerca

"Riot"

Un videogame per provare l'ebbrezza degli scontri di piazza

Nel gioco ideato da un 26enne di Firenze si può decidere da quale parte della barricata stare

Per chi vuole provare le sensazioni di uno scontro di piazza senza mettere il naso fuori casa arriva uno nuovo video game che riproduce in maniera virtuale le manifestazioni di piazza Tahrir, in Egitto, e di piazza San Giovanni a Roma dell'ottobre 2011. Il giocatore può decidere anche da quale parte della barricata stare: o tra i celerini che caricano i contestatori o tra gli indignati che bruciano auto o rompono vetrine. A ideare il video gioco, che si chiama "Riot", è un un 26enne regista di Firenze, Leonard Menchiari con un obiettivo che va oltre il senso ludico del gioco: provare a capire che cosa si provi nelle condizioni critiche determinate da tali scontri. "In Riot i giocatori sperimenteranno i due lati di una battaglia che non ha vinti nè vincitori", ha detto all'Huffington Post. Il denaro raccolto attraverso il videogame servirà Leonard per viaggiare in Europa ed Egitto e documentare in tempo reale i futuri conflitti tra manifestanti e forze dell'ordine.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • LuchinodiZaz

    05 Marzo 2013 - 12:12

    Oh,finalmente una buona notizia!Finalmente un "cervello" italiano si distingue nel mondo per un'invenzione utile,pedagogica,educativa e assolutamente innovativa!Adesso,finalmente i ragazzi di O.W.S.,gli idignados,i black bloc & co. potranno arrivare preparati in piazza durante le varie dimostrazioni anti-tutto!XD

    Report

    Rispondi

blog