Cerca

L'intervista choc

Conclave e pedofilia, il cardinale: "I ragazzini cercano un bacio. E poi è una carezza che fa godere?"

Un alto prelato, tra i 115 che eleggeranno il Papa, a "Piazza pulita": "Molestie fisiologiche, altrimenti mettiamoci in una campana di vetro. La colpa è della fragilità dei giovani, poi qualcuno può sbagliare..."

La pedofilia nelle parrocchie italiane? Colpa anche della fragilità dei ragazzini che cercano affettività carnale dai preti. A sostenerlo non è un sociologo un po' ardito, ma un cardinale (anonimo) intervistato da Gaetano Pecoraro nell'ultima puntata di Piazza pulita. Il talk show di Corrado Formigli, dedicato per l'occasione al Conclave, è stato criticato per alcune prese di posizione piuttosto dure con la Chiesa, ma la testimonianza raccolta sulla questione pedofilia è choccante.  

"I ragazzi cercano un bacio" - "In Italia ci sono 34mila sacerdoti, 250 diocesi, non pensa che possa esserci un caso per diocesi che si sia comportato male? E per questo la Chiesa coprirebbe?", si difende subito il cardinale, presente tra i 115 che eleggeranno il nuovo Pontefice. E quando il giornalista chiede se non sia il caso, per la Chiesa, di tutelare maggiormente i fedeli, replica secco: "Se vuoi essere tutelato dalla pedofilia, mettiti sotto una campana di vetro". Allarga le braccia, il cardinale, di fronte a una violenza a suo dire ineluttabile. "La pedofilia è un fenomeno fisiologico, e poi che cosa è la molestia? Una carezza sulla testa o a mezza schiena o a fondo schiena? E' un pizzicotto che fa godere?". Infine, l'analisti finita nella bufera: "Oggi la situazione di fragilità dei giovani porta anche i ragazzini a cercare l'affettività carnale. Un ragazzo sente il bisogno di una carezza o di un bacio perché non li ha più in casa e quindi li cerca. E in un certo momento la persona che glieli dà può sbagliare".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gianni2013

    22 Novembre 2013 - 18:06

    a parte dal modo come possa essere letta l'intervista , ne deduciamo che siccome ogni tanto beccano un carabiniere disonesto se ne deduce che fanno tutti schifo?che la Benemerita è marcia?Se anche ci fosse l'1% (ma le statistiche dicono molto meno per fortuna, forse è meglio che guardiamo gli altri buoni

    Report

    Rispondi

  • zucchetto

    19 Marzo 2013 - 11:11

    I preti pedofili distorcono il significato degli atteggiamenti dei bambini, per confondere ed inutilmente attenuare le loro responsabilità. I bambini cercano l'attenzione dei grandi perché hanno bisogno di formarsi una loro identità, gradiscono l'attenzione di un adulto proprio per accrescere il loro io, ma una "SANA" attenzione, non un morboso infame attentato alla loro purezza, quello no, loro non sono ancora in grado di concepirlo. Quindi il prete pedofilo tradisce anche la fiducia che la chiesa ha costruito, immeritatamente, attorno al clero e la sfrutta per i suoi abbietti fini. zucchetto

    Report

    Rispondi

  • xulxul

    18 Marzo 2013 - 22:10

    Ma si può prendere sul serio Formigli quando ha confezionato una trasmissione volgare, piena di falsità e senza contraddittorio. Giustamente si sono nutriti seri dubbi sulla veridicità dell'intervista. Un cardinale che si fa riprendere in incognito da Formigli. Suvvia. Un po' di serietà. È triste che ci siano tanti allocchi che bevono acriticamente dello pseudo giornalismo d'inchiesta. Ma in realtà diffamatorio ed infamante. Uno poi che in maniera ridicola ha ancora il coraggio di sostenere un' inesistente collusione tra Bergoglio e Videla, nonostante la secca smentita del Vaticano e dell' alta corte argentina, lascia esterrefatti su quali infimi e squallidi livelli raggiungano i giornalisti comunisti.

    Report

    Rispondi

  • ramon57

    14 Marzo 2013 - 16:04

    E poi ( volgarità a parte) riflettete sui vostri commenti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog