Cerca

Il comico

Crozza: "Siamo il Belpase ma... niente voto palese"/VIDEO

La copertina di Ballarò: il comico mette nel mirino i lavori in Giunta al Senato sulla decadenza del Cav

Ha ironizzato su Quagliariello, ha raccontato di quanto era asino a scuola, ha parlato del datagate. Ma la performance di Maurizio Crozza si è concentrata sull'ossimoro voto segreto e voto palese. La copertina satirica del comico, nella puntata di ieri, martedì 29 ottobre, a Ballarò, non poteva infatti non aprirsi sul tema caldo della decadenza di Silvio Berlusconi da Senatore della Repubblica. Lampante, e contorto, l'esordio del monologo: "La Giunta che deve decidere su come decidere sulla decadenza di Berlusconi ha deciso di non decidere. Continuerà la discussione tra voto palese e voto segreto". 

Poi, Crozza ha continuato, pungente: "Se cominci a distinguere tra voto palese e voto segreto non è che hai la coda di paglia, hai un fienile che ti spunta dal c…”. Palese, segreto, due termini così contrapposti che al conduttore sono saltati in mente alcuni esempi, per spiegare come nel nostro paese "ci sia sempre qualcosa di palese e qualcosa di segreto": "Siamo il Bel Palese. Che si debbano pagare le tasse è palese… come usano i nostri soldi: segreto; che a Ustica sia stato un missile è palese... perché ce lo dicano trent'anni dopo, è segreto; che un senatore condannato si debba dimettere è palese, c…. perché ora forse ci dobbiamo beccare pure sua figlia… è segreto". Ciò che però è più palese, è che ancora non si sa se il voto sarà segreto, o palese. Crozza sembra "soffrire" di questa storia infinita, Berlusconi e non Berlusconi, decadenza e non decandenza, voto palese e voto segreto, tant'è che arriva a ipotizzare perfino un trattamento particolare per il leader di Forza Italia anche da parte di Dio nel momento del Giudizio Universale: "Gli empi all’inferno, i probi in paradiso e Berlusconi… slitta a dicembre".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • kk300

    30 Ottobre 2013 - 17:05

    Vorrei vedere questi pseudocomici, tipo Crozza e Benigni, far ridere senza attaccare i politici. Credo proprio che non ci riuscirebebro. C'erano comici come Macario, Totò, e ci sono oggi Ale e Franz, Aldo, Giovanni e Giacomo, Guzzanti (il maschio, non le altre due)e altri che sanno far ridere senza nemmeno nominare i politici. Questi sì che sono comici, gli altri due mi sembrano solo dei servetti del potere

    Report

    Rispondi

  • arwen

    30 Ottobre 2013 - 11:11

    benpensante è veramente incredibile....Scoprono il valore del voto palese oggi, in concomitanza, ovviamente, del voto sulla decadenza di B. Semplicemente ridicoli. Lo dicessero a chiare note che questa battaglia morale sul voto palese, infarcita di ipocrisia da far schifo, ah solo uno scopo, far in modo che tutti nel PD votino contro B. perchè la paura che parte delpartito, impaurito dallo strapotered elle toghe, voti a favore di B. atterrisce il PD che non potrebbe sopportare, dopo la farsa presidenziale, anche questo smacco. Ma quale libertà, ma quale democrazia, ma quale necessità di rispondere agli eletori, questa si chiama fifa nera!

    Report

    Rispondi

blog