Cerca

Roba dell'altro mondo

Mandela, alla cerimonia tra vuvuzela, galletti e Letta nascosto. E il traduttore per i sordi è un impostore. Video

L'accusa dei non udenti: "Quell'uomo faceva gesti a caso, siamo indignati". E sulle tribune, tra ospiti vip e seduzioni, accade di tutto

Un funerale laico dell'altro mondo, quello andato in scena a Johannesburg per commemorare Nelson Mandela. Tra un Obama che ci prova con la collega danese, un Letta presente e sperduto tra la folla degli invitati (Prova il gioco: dov'è Enrico?) e un sottofondo di vuvuzelas rumorosissime (il Mondiale 2010 per un attimo sarà tornato alla mente degli appassionati), a scandalizzare i sudafricani è stato però altro. Allo stadio di Soweto, accanto a Obama, Raul Castro, Ban Ki Moon e Jacob Zuma (fischiatissimo) c'era un uomo intento a tradurre le frasi nel linguaggio dei gesti per i sordomuti. Peccato che quell'uomo fosse un impostore. La comunità dei sordi ha infatti denunciato il finto traduttore come qualcuno che si è introdotto sul palco, ha guadagnato due ore di celebretà, e nient'altro. "Si è limitato a volteggiare le mani per aria, sembrava che stesse scacciando le mosche dalla faccia e dalla testa", ha commentato Cara Loening, direttrice della Sign Language Education and Development di Città del Capo. "Siamo indignati".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Selifan

    12 Dicembre 2013 - 10:10

    Uno show della "political correctness" davvero mal organizzato e, per taluni versi, grottesco. A proposito, ma si decideranno a seppellire la salma prima della fine dell'anno?

    Report

    Rispondi

  • gregio52

    11 Dicembre 2013 - 22:10

    Non è che i politici italiani hanno un raggio così largo di azione, che sono riusciti a far danni anche lì ? Qualche raccomandazione, chissà ?

    Report

    Rispondi

  • Tobyyy

    11 Dicembre 2013 - 16:04

    Altro che funerale...insomma un funerale comico alla Totò....o alla Peppone...! Ma cosa ci si può aspettare da questi zulù allo stadio primordiale, che non conoscono né Dio, né regole civili, né modus vivendi, né niente di niente che possa annoverarli tra i discendenti dell'homo sapiens...?

    Report

    Rispondi

blog