Cerca

L'intervista

Cerimonia Mandela, il finto traduttore: "episodio di schizofrenia"

"Si è trattato di schizzofrenia". Allo stadio di Soweto, accanto a Obama, Raul Castro, Ban Ki Moon e Jacob Zuma (fischiatissimo) c'era un uomo intento a tradurre le frasi nel linguaggio dei gesti per i sordomuti. Peccato che quell'uomo fosse un impostore. La comunità dei sordi ha infatti denunciato il finto traduttore come qualcuno che si è introdotto sul palco, ha guadagnato due ore di celebretà, e nient'altro. "Si è limitato a volteggiare le mani per aria, sembrava che stesse scacciando le mosche dalla faccia e dalla testa", ha commentato Cara Loening, direttrice della Sign Language Education and Development di Città del Capo. L'interprete dei segni, Thamsanqa Jantjie, ha spiegato al giornale britannico Telepraph i motivi di quei strani gesti:" si è trattato di schizofrenia. Ho cercato di controllarmi ma non c'era nulla che potessi fare. Mi dispiace molto per la situazione in cui mi sono trovato". David Buxton, l'amministratore delegato della Associazione britannica sordi ha spiegato che l'uomo faceva gesti infantili: " è come se non avesse mai imparato una parola del linguaggio dei segni".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • vaccax99

    15 Dicembre 2013 - 15:03

    Questa ci mancava !!!

    Report

    Rispondi

  • diamante1

    12 Dicembre 2013 - 22:10

    Una perdita per il Sudafrica Mandela era un grande Leader

    Report

    Rispondi

blog