Cerca

Preso a parole

Vittorio Feltri duro su Berlusconi: "L'accanimento giudiziario se lo va a cercare"

6

Legge elettorale, olgettine e bidonisti di Mps sono i tre temi che il direttore di Libero Vittorio Feltri tratta oggi intervistato da Roberto Poletti nella rubrica Feltri preso a parole. Il direttore, in particolare, si sofferma sul rinvio a giudizio di Silvio Berlusconi nel processo Ruby Ter, criticando i continui versamenti di denaro effettuati a favore delle ragazze da parte dell'ex presidente del Consiglio e leader di Forza Italia. "Il punto è che un conto è pagare delle ragazze per incontrarle e farci le feste eleganti, un altro continuare a pagarle, come ha fatto Berlusconi, anche nei mesi e negli anni successivi. Ora, lui parla di gesti di generosità, ed è chiaro che ognuno con i soldi suoi ci fa quel che più gli pare, ma all'uomo della strada che è poi quello che va a votare il sospetto viene, che dietro ci sia qualcosa che non torna, come sostengono i giudici".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • xabaras1

    14 Febbraio 2017 - 00:12

    chiamatela cpn il nome appropriato: corruzione. B. paga le olgettine perchè non parlino al processo.

    Report

    Rispondi

  • filipanda

    08 Febbraio 2017 - 12:12

    Continua a pagare le "Olgettine" perché devono avere raccolto un videoteca di sconciatezze mostruose degne dei più grandi degenerati della storia moderna. Solo così, si può "giustificare" questo costante stillicidio di denaro a cui, volutamente, si è sottoposto Berlusconi. Ricordiamo anche l'avvocato MILLS, pagato una "milionata" per tacere sulle FRODI commesse da DONsilvio. Soggetto ripugnante.

    Report

    Rispondi

    • viola52

      08 Febbraio 2017 - 16:04

      avranno raccolto videoteche di sconcezze e anche di chi partecipava....questo forse è il punto cruciale...non solo Fede e Mora...

      Report

      Rispondi

  • fausta73

    08 Febbraio 2017 - 11:11

    io ritengo inutile il processo Ruby: la ragazza era consenziente ed è andata da berlusconi per ben guadagnare. basta con questi ridicoli processi. e chiarisco che non sono berlusconiana

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media