Cerca

Clamoroso

Fabio Caressa torna su Calciopoli: "La Juventus voleva fare fuori me e Beppe Bergomi"

7 Aprile 2017

2

"Hanno chiesto di licenziare me e Beppe Bergomi", parola di Fabio Caressa. Il giornalista di Sky, intervenuto all'Università Bocconi di Milano per la rassegna Il Valore dello Sport, ha parlato della sua vita e della sua esperienza nel mondo del calcio. Durante l'incontro con gli studenti si è anche soffermato sui fatti di Calciopoli, rivelando dei retroscena molto interessanti. "Nel 2006 pensavo ci fosse qualcosa, ma non a quel livello lì. Luciano Moggi ha pensato non solo di poter fare qualcosa per la Juve ma ha pensato di poter fare quello che voleva per tutto il campionato. Lui pensava di poter decidere su chi doveva retrocedere e altro, questo non era possibile".

Caressa racconta anche di un aneddoto avvenuto nel 2004: "C’erano stati degli arbitraggi che facevano pensare, in particolare in un Bologna-Juventus vinto dai bianconeri per 1-0 con un goal di Nedved su calcio di punizione. In questo match per due volte sul bolognese Cipriani non fu fischiato il rigore e nell'intervista a fine gara lo stesso giocatore disse che gli episodi non erano importanti: Cipriani era un giocatore della GEA (l'agenzia di procuratori di cui faceva parte anche Alessandro Moggi, figlio di Luciano, ndr)". Durante la telecronaca le due voci storiche di Sky dissero che non erano stati concessi due rigori al Bologna e arrivò in sede una telefonata: "La dirigenza della Juventus, urlando, chiedeva la mia rimozione e quella di Beppe Bergomi. L'allora amministratore delegato Tom Mockridge ci disse di ricordarci che noi siamo Sky e siccome diamo noi i soldi alla Juventus per i diritti, magari un giorno chiederemo noi di decidere il loro allenatore ma loro non decideranno mai su quello che deve fare Sky".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • salvio53

    08 Aprile 2017 - 09:09

    mo parlano pure Caressa e Bergomi, il nulla, e poi basta sintonizzarsi sulle varie tv, sky, mediaset, rai per sentire solo servizi di giornalisti tifosi. I più agguerriti sono gli interisti ed i romanisti, in premium si tifa più inter che milan, povero Berlusca. se mancano queste due squadre lo sport preferito è :basta che non vinca la juve. illusi

    Report

    Rispondi

  • fbiasio

    07 Aprile 2017 - 20:08

    I dirigenti Sky avrebbero fatto bene a liberarsi di quei due. Io, per esempio, ho disdetto l' abbonamento proprio per questo. L' avvertimento di Moggi non era certo una minaccia ma un consiglio amichevole.

    Report

    Rispondi

media