Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Al Bano, l'unione con la Lecciso e la promessa: "Dopo il coronavirus farò una festa incredibile"

Francesco Fredella
Francesco Fredella

Francesco Fredella è nato nel 1984. Pugliese d'origine, ma romano d'adozione. Laureato in Lettere e filosofia a pieni voti, è giornalista professionista. Si occupa di gossip da sempre diventando un punto di riferimento nel jet-set televisivo. Collabora con Libero, Il Tempo, Nuovo (Cairo editore). E' uno degli speaker della famiglia RTL102.5, dove conduce un programma di gossip sul digital space. E' opinionista fisso di Raiuno e Pomeriggio5.

Vai al blog
  • a
  • a
  • a

Uniti. È questa la parola d’ordine. Loredana Lecciso e Al Bano Carrisi lo sono più del solito. In uno scatto su Instagram, a Cellino, sono di spalle. Cappello d’ordinanza per Al Bano insieme alla Lecciso. Insieme, lo ricordiamo, hanno due splendidi figli: Jasmine e Bido. Carrisi ha raccontato a RTL102.5 (che sta rafforzando in questi giorni più che mai il prima della radiovisione) la sua quarantena: “Quando morirà il Coronavirus farò una grande festa”.

Poi il cantante ha svelato quello che sta provando nei giorni di reclusione forzata: “Stiamo combattendo la terza guerra mondiale, sono nato quasi alla fine della seconda, questa la vivo come la vivono in tutto il mondo: con paure e attenzioni. La mia fortuna è che circa cinquant’anni fa decisi di vivere in campagna e quella è stata veramente una scelta vincente perché al mattino posso camminare, fare il contadino e muovermi. Ma mi rendo conto di quanti italiani sono agli arresti domiciliari, devono dar sfogo alle loro fantasie, trasformare quei 100 metri quadri in qualcosa di immenso, di nuovo, raccogliere i propri affetti e viverli in prima persona quotidianamente. Io sono ora per la prima volta a contatto quotidiano dalla mattina alla sera con i miei figli. Anche l’amore si intensifica, capisci cosa vuol dire anche la quotidianità dell’amore e mi sono stupito di quanto sia bello”.

Al Bano, con oltre 500 canzoni incise, e migliaia di chilometri macinati ovunque nel mondo con i suoi concerti che registrato il tutto esaurito ha detto di aver ritrovato un po’ di felicità nelle cose di tutti i giorni a casa. “Per cinquant’anni sono stato uno zingaro per i miei viaggi mondiali, questa volta sono costretto a vivere la mia quotidianità - ha detto Al Bano. La paura c’è, stai molto attento agli incontri, anche se devo spostarmi. Quando morirà quel maledetto virus farò una festa incredibile”. Alla fine conclude dicendo: “Sto scoprendo nei libri di fotografie l’altro passato vissuto intensamente ma che non ho mai avuto tempo di visionare”.

Dai blog