Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

"Copycat-Omicidi in serie", uno dei migliori thriller degli anni '90

Giorgio Carbone
Giorgio Carbone

Nato a Tortona (Al) il 19 dicembre 1941. Laureato in giurisprudenza a Pavia. Giornalista dal 1971. Per 45 anni coniugato all'attrice Ida Meda. Due figli. Critico cinematografico (titolare) per "La Notte" dal 1971 al 1995. Per "Libero" dal 2000 a oggi. Autore di tre dizionari: Dizionario dei film (dal 1978 al 1990); Tutti i film (dal 1991 al 1999); Dizionario della tv (1993).

Vai al blog
  • a
  • a
  • a

COPYCAT OMICIDI IN SERIE
Con Sigourney Weaver, Holly Hunter e Dermot  Mulroney. Regia di Jon Amiel. Produzione USA  1995.  Durata: 2 ore. In tv, Raimovie  ore 21.10

LA TRAMA
Un serial killer  impazza  per San Francisco e la polizia pensa bene di rivolgersi a una nota criminologa (Sigourney Weaver) che già in passato  ha raccolto vari successi nella caccia agli assassini seriali. Il guaio è che la donna un gran contributo potrebbe non darlo. Qualche anno prima fu aggredita proprio  da uno dei suoi criminali  e da allora ha sviluppato una specie di   agorafobia che le impedisce di uscire  di casa. Può dare  solo una consulenza  alla grintosa  agente che l'ha ingaggiata. Però basta. Perchè  il killer la va a cercare  proprio a casa e fa una mossa falsa  che permette la sua cattura.

PERCHÈ VEDERLO
Perché è uno dei migliori thriller degli anni  90, probabile ispiratore delle serie poliziesche come Criminal minds. La tensione è sempre alta ( il maledetto può essere dappertutto, in casa della prof  come negli uffici di polizia). Eppoi l'arguta sceneggiatura non manca di giostrare con begli effetti sulla strana coppia di eroine (ognuna antipatica all'altra  anche perché le due ragazze sono mica male antipatichine per conto loro).

Dai blog