Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

La magia del St. Regis Saadiyat Island Resort: una perla ad Abu Dhabi

Orchidea Colonna
Orchidea Colonna

Giornalista, globetrotter e food lover. Sono convinta che ogni viaggio, ogni luogo visitato e osservato, ci renda più ricchi dentro. Da un viaggio si torna sempre diversi e migliori da come si è partiti. Seguitemi e attraverso i miei occhi scoprirete un mondo di inattesa bellezza

Vai al blog
  • a
  • a
  • a

L'isola di Saadiyat, che in arabo significa isola delle felicità, sorge dalle acque azzurre a 500 metri dalla costa, nel mare davanti ad Abu Dhabi. Vanta un patrimonio naturalistico di primissimo livello che, nonostante i nuovi progetti in costruzione, verrà preservato: la spiaggia è fine e bianca, il paesaggio incontaminato e la vista mozzafiato. Su quest’isola sono stati costruiti centri commerciali, residenziali e culturali: il museo Guggenheim realizzato dal celebre architetto Frank Gehry, il Louvre Abu Dhabi progettato da Jean Nouvel e il Zayed National Museum di Norman Foster. Tre tra i più grandi architetti al mondo. Li ho visitati tutti e tre e, se non l'avessi fatto, mi sarei persa il meglio di questa stupenda isola. Che, non a caso, è il più importante centro culturale del Paese. In questi giorni soggiorno al St. Regis Saadiyat Island Resort e la temperatura è di 29 gradi. 

Questo stupendo resort a 5 stelle offre l’accesso diretto alla spiaggia privata, una distesa di sabbia bianca davanti al mare turchese. Uno spettacolo unico. Qui al St. Regis Saadiyat Island Resort è tutto grande e sontuoso: troverete 5 piscine da sogno, tra cui una piscina a corsie coperta da 25 metri, il centro benessere Iridium con 12 sale per trattamenti e suite da mille e una notte, come la mia. Quando mi sveglio al mattino e scendo nel principale lounge bar Olea, dove viene servita una colazione squisita, mi sento rinascere. Di buffet negli hotel ne ho provati parecchi, e molti di alto livello, ma quelli eccezionali si contano sulle dita di una mano. Questo del St. Regis Saadiyat è veramente sublime. Subito dopo la colazione mi dirigo in spiaggia per prendere un po' di sole, ma ci sono infinite alternative: giocare a tennis o fare shopping presso le boutique della zona commerciale, mentre il Sandcastle Club propone attività per bambini al coperto e all'aperto. 

 

L’offerta gastronomica è ricchissima: 6 ristoranti e bar che servono una varietà di cucine, tra cui piatti greci contemporanei, specialità del Sud Est asiatico e pietanze mediterranee. Io, sia a pranzo che a cena, continuo ad andare nelle sale dove viene servita la prima colazione, poi adibite a ristorante e devo dire che è una inebriante sorpresa vedere dodici chef, uno di fila all'altro, con una varietà di piatti di ogni nazionalità per soddisfare la variegata nazionalità degli ospiti. Una squadra di chef pronta a esaudire ogni desiderio con pietanze prelibate, anche da preparare al momento. Il St. Regis Saadiyat Island Resort sorge inoltre accanto a un campo da golf a 18 buche, a 14 chilometri dalla passeggiata panoramica Corniche di Abu Dhabi. 

Nel centro benessere Iridium potrete godere di ogni genere di massaggio: io ieri ho scelto quello Jet Lag, per riprendersi dal fuso orario che soffro particolarmente, ma oggi ho provato il massaggio più prezioso di questa Spa che ha lo stesso nome stesso del centro benessere: Iridium Spa. Viene chiesto di scegliere un olio da massaggio tra: Gold, Diamond o Platinum dopodiché il terapista lavora per liberare la mente e rilassare il corpo. Splendido: mi ha bilanciato i punti chakra facendo fluire l'energia lasciandomi una sensazione di completo benessere. 

Per il viso invece mi hanno proposto le essenze più ricercate al mondo come Meteorite, Stem Orchid, Ruby, Sapphire, Diamond, Gold e Platinum. Io per il corpo ho scelto Diamond, per il viso Ruby. E devo dire che stasera sono completamente rigenerata come dopo due giorni di riposo e sonno profondo. Mi preparo per andare a cena: una indimenticabile notte mi attende, sotto le stelle splendenti del cielo di Abu Dhabi. 

www.marriott.com

[email protected]

Dai blog