Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Chiamatela presidente

Elisabetta Alberti Casellati prima donna alla guida del Senato

BRUNELLA BOLLOLI
BRUNELLA BOLLOLI

Alessandrina, vivo a Roma dal 2002. Ho cominciato a scrivere a 15 anni su giornali della mia città e, insieme a un gruppo di compagni di liceo, mi dilettavo di mondo giovanile alla radio. Dopo l'università tra Milano e la Francia e un master in Scienze Internazionali, sono capitata a Libero che aveva un anno di vita e cercava giovani un po' pazzi che volessero diventare giornalisti veri. Era il periodo del G8 di Genova, delle Torri Gemelle, della morte di Montanelli: tantissimo lavoro, ma senza fatica perché quando c'è la passione c'è tutto. Volevo fare l'inviata di Esteri, ma a Roma ho scoperto la cronaca cittadina, poi, soprattutto, la politica. Sul blog di Liberoquotidiano.it parlo delle donne di oggi, senza filtri.

Vai al blog
Galanteria dal collega senatore azzurro subito dopo l'elezione Foto: Galanteria dal collega senatore azzurro subito dopo l'elezione
  • a
  • a
  • a

Se c'è una donna distante anni luce dai grillini è proprio Elisabetta Alberti Casellati, neo eletta presidente del Senato proprio con i voti del Movimento Cinquestelle (oltre che del centrodestra). Mettiamo vicine per un momento lei e la pasionaria grillina Paola Taverna, oppure lei e la ex senatrice Elisa Bulgarelli: non è una questione di look, sia chiaro, ma di interpretazione del mandato parlamentare o anche solo di presenza all'interno delle istituzioni. La Casellati è avvocato, conservatrice, favorevole alla riapertura delle case chiuse per togliere le ragazze dalla strada, fedelissima berlusconiana e impeccabile, quasi maniacale nelle sue funzioni. La Taverna è la pentastellata borgatara che del Cav aveva detto: "io a quello je sputo" e che mai e poi mai avrebbe appoggiato un inciucio con partiti diversi dal Movimento Cinquestelle. Eppure, da allora, ne è passata di acqua sotto i ponti visto che la Casellati è stata eletta anche con voti della Taverna e compagni (e Fico alla Camera è stato eletto con i voti di Forza Italia). La Casellati è lontana dai grillini e dalla sinistra anche nella semantica: "Chiamatemi presidente", ha detto ai cronisti che volevano sapere le sue preferenze al riguardo. Altro che presidentessa, sindaca, avvocata o ministra. Non sono le vocali in fondo alla parola che fanno la differenza. Conta che per la prima volta una donna è stata eletta al vertice del Senato, seconda carica dello Stato. Ed è già un passo avanti.

Dai blog