Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rai 5, Icone, Santoro e la sindrome di Stoccolma

un peana per Michele

  • a
  • a
  • a

Il corpo parla. E, talora nel vento del logos, ha l'alito pesante. «Quando la piazza di Palermo, rumoreggiando, in pratica disse: sì ci fa piacere che Lima sia stato ammazzato, ecco, lì ho capito che televisivamente stava accadendo qualcosa, l'agorà era diventata protagonista...» Più o meno, così, con quest'agnizione sul futuro della “piazza” televisiva, Angelo Gugliemi, antico sciamano di Raitre ricordava a Icone, (Rai5 mercoledì seconda serata) l'avvento di Samarcanda e la nascita del culto di Michele Santoro. Icone è un bel programma di Marco Ferrante e Simona Ercolani, fatto con due euro, un'idea e un archivio poderoso. Ha come sottotitolo “Corpi che parlano”; e l'altra sera ha fatto parlare il corpaccione di Santoro. Ne ha analizzato i successi con intellettuali alla Guglielmi -da Il Rosso e il nero a Tempo reale, da Il raggio verde a Annozero-. Ne sminuzzato, con giornalisti alla Franco Bechis, la “drammaturgia”, il protagonismo assoluto, la lucidità guascona che l'ha spinto ad essere detestato dalla destra e odiato dalla sinistra: si è riproposto, per dire, in onda ora la telefonata in diretta di Masi trattato da Michele come una colf , oltre all mitico sguardo di D'Alema segretario Ds anni 90 cazziato da una spettatrice comune, roba che costò a Santoro l'esilio dalla Rai e il passaggio a Mediaset. Il programma ha anche esaltato, di Santoro, la gestualità teatrale -Santoro nasce attore recitando Pirandello e Brecht- attraverso le parole di critici tv alla Massimo Bernardini. Il quale ne ha anche fotografato il sempiterno conflitto con Silvio Berlusconi, dalle origini a quell'esperimento di scardinamento del sistema che è Servizio pubblico dall'idea di Sandro Parenzo. Ora, Icone funziona, come Sfide di cui è diretta gemminazione. E con la scusa della prossemica, dell'espressione del corpo si racconta un mito d'oggi, per dirla alla Barthes. E Santoro ci fa un figurone, inserito fra altre “icone” un tantinello più illustri: Fallaci, Agnelli, Trapattoni, Moro, Vasco Rossi, Armani, Craxi, Lady Gaga, Andreotti, Giovanni Paolo II. E noi potremmo essere d'accordo su questo. Ma stranizza assai che la mitizzazone del tribuno la faccia proprio quella Rai che l'ha cacciato, e proprio quel Ferrante che l'attaccò con ferocia ; e che ora, con lo scudo del vezzo semiotico, ne celebra le gesta. Dalla sindrome del tribuno alla sindrome di Stoccolma...

Dai blog