Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Gf al minimo storico. La fine dei reality?

Crisi di ascolti per il Grande Fratello di Alessia Marcuzzi

Alessandra Menzani
Alessandra Menzani

Emiliana di Piacenza, sono nata il 16 luglio di un anno che è meglio non rivelare. Maturità classica, laurea in Scienze della comunicazione a Milano, sono stata assunta a Libero da Vittorio Feltri dopo uno stage. Mi occupo di spettacoli e tv, mi piace scrivere pagelle, viaggiare, i bulldog francesi, Woody Allen, Homeland e il vino rosso. Ho un mio sito, pure. Nella mia seconda vita insegno yoga.

Vai al blog
  • a
  • a
  • a

"Grande Fratello al minimo storico", scrive il sito di Sorrisi e Canzoni, diretto da Alfonso Signorini, che del Gf è il deus ex machina. Pochi minuti dopo la pubblicazione dell'articolo, sparisce la scritta "minimo storico". Ma il risultato non cambia. La seconda puntata del reality è andata malissimo: solo tre milioni e mezzo di telespettatori, la metà di quelli della fiction Cenerentola di Raiuno. Nonostante l'apparizione di Alessandra Mussolini che dal confessionale di Canale 5 ha lanciato un'anatema contro una delle concorrenti. Che sia la fine del reality? Temiamo di no. Non sono arrivate ancora le corna, i nudi, gli amorazzi, il trash. C'è tempo per decollare, in sei mesi siamo certi che succederà di tutto. A Mediaset fanno gli scongiuri: tra prima serata, contenitori del mattino e del pomeriggio, sponsor, ospitate in tv e in discoteca, il Grande Fratello è una macchina che fa mangiare parecchi. Se andasse male sarebbero guai.

Dai blog