Cerca

SALUTE E ARTE

Mille modi di “essere donna”
Ecco come mettersi in mostra

Fino all’8 giugno a Milano un’esposizione fotografica che TENA dedica a tutte le donne: 40 immagini, frutto di un concorso nazionale, per raccontare la libertà di sentirsi se stesse in ogni momento della vita

Fino all’8 giugno a Milano un’esposizione fotografica che TENA dedica a tutte le donne: 40 immagini, frutto di un concorso nazionale, per raccontare la libertà di sentirsi se stesse in ogni momento della vita

13 Maggio 2014

0
Una delle foto partecipanti al concorso

Una delle foto partecipanti al concorso

Fino all’8 giugno a Milano un’esposizione fotografica che TENA dedica a tutte le donne: 40 immagini, frutto di un concorso nazionale, per raccontare la libertà di sentirsi se stesse in ogni momento della vita

Donne che ripercorrono i ricordi di una vita vissuta. Ragazze in altalena e bambine che giocano curiose. Giovani in dolce attesa e donne in cucina. Un obiettivo fotografico per raccontare le diverse sfumature del mondo femminile. Fino a domenica 8 giugno 2014 sarà aperta al pubblico la mostra fotografica che prende il nome dal concorso “Mille Modi di Essere Donna”, progetto promosso e sviluppato da TENA, leader mondiale nella gestione dell’incontinenza. La Galleria d’Arte Contemporanea milanese Dream Factory, in Corso Garibaldi 117, ospiterà una selezione di 40 immagini, omaggio alle donne più diverse, per età, professione e origine. “Il concorso Mille Modi di Essere Donna e la sua esposizione sono parte di un progetto di TENA che ha messo al centro le persone e in special modo le donne – precisa Roberta de Fabritiis, curatrice indipendente - Donne dalle mille differenze e particolarità, donne dalle mille esigenze e aspirazioni. Tutto il materiale ricevuto esprime la loro voglia di sentirsi al meglio, libere di essere come sono, semplicemente se stesse. E in particolare le foto che abbiamo selezionato lo dimostrano ampiamente”. Nel corso della serata di inaugurazione una giuria di esperti composta oltre che da Roberta de Fabritiis anche da Marco Pinna, Paolo Ranzani e Chiara Oggioni Tiepolo) ha premiato gli autori delle 6 migliori fotografie - tre per la categoria bianco e nero e tre per quella a colori - scelte accuratamente per originalità, qualità tecniche ed espressività tra le oltre 700 pervenute da tutta Italia. Un intero mese, dunque, per scoprire le variegate sfaccettature dell’universo femminile, fatto di gesti e comportamenti, espressioni, colori ed emozioni, ma anche abiti, accessori, oggetti di vita quotidiana che, osservati e immortalati da un obiettivo, svelano i mille e più modi di essere e sentirsi donna.

La mostra fotografica. Un racconto per immagini che mostra non solo l’entusiasmo e la voglia di fare delle donne nei molti ruoli in cui sono quotidianamente coinvolte, ma soprattutto la forza e la personalità espresse anche quando devono fronteggiare piccoli disagi e convivere, ad esempio, con le perdite urinarie. “Le giornate di una donna, come quelle delle mie pazienti, sono ricche di appuntamenti, attività, emozioni e colori. Soffrire di perdite urinarie non significa limitare la propria libertà, significa invece saper gestire un disagio in modo diversificato” - spiega Debora Marchiori specialista in Urologia a Bologna e Coordinatore Nazionale gruppo "SIUrO Giovani" Società Italiana di Uro-Oncologia. “Credo molto nel rapporto umano che si instaura con le pazienti, poiché l’incontinenza, come molte patologie croniche, necessita di continui monitoraggi e soprattutto di un’attenzione particolare al vissuto delle donne che ne soffrono. E’ importante spiegare loro che è possibile vivere la propria quotidianità senza limitarsi e affrontare ogni momento con la giusta protezione".(LARA LUCIANO)

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Vincenzo Mollica ricorda Alberto Sordi: "Faceva vedere a tutti il senso della vita"

Migranti, Giuseppe Conte: "Sugli sbarchi Matteo Salvini ha sempre rivendicato la sua competenza"
Zingaretti e Bonaccini
Scontro tra tifoserie in Basilicata, un uomo muore investito: la prima ricostruzione

media