Cerca

Viterbo

A processo per ingiurie
Ma è un sordomuto

L'uomo denunciato da una donna infastidita "dai suoi mugugni". Serve la Cassazione per dire che non può offendere

23 Aprile 2012

3

Si era sentita insultata, offesa e scernita da i suoi mugugni. I mugugni di un sordomuto. E così, con l’accusa di ingiurie, ha deciso di trascinarlo in tribunale. La paradossale vicenda arriva da Viterbo dove Maria Teresa S. ha portato davanti ai giudici Mario R., 58enne e sordomuto. Difronte al proscioglimento dell’uomo deciso dal gup - con sentenza di non luogo a procedere - la signora non ha desistito ed è andata avanti spingendosi fino in Cassazione. Nonostante le prove avessero dimostrato che l’imputato non avrebbe potuto emettere alcun suono e, quindi, era nell’impossibilità di poter offendere, la presunta vittima restava convinta e si faceva forte del fatto che quelli subiti erano «suoni gutturali di elevata intensità». 

Anche in questo caso, però, Maria Teresa S. ha dovuto incassare un’altra delusione. La Suprema Corte ha, infatti, archiviato il caso, ritenendo l’impossibilità di «dare rilievo alle censure relative alla interpretabilità di suoni gutturali come espressioni ingiuriose». Una sentenza contraria anche alle istanze dell’accusa, che voleva l’accoglimento del ricorso e chiedeva l’inizio di un nuovo processo. Ma su questo caso-limite, che che impegnato un gup e ben 5 magistrati di Cassazione, adesso è stata messa definitivamente la parola fine.  

I giudici di Cassazione hanno fatto notare che «data la prognosi negativa del gup» non era possibile dare seguito alle richieste della signora costituitasi parte civile e soprattutto «non è possibile dare rilievo alle censure relative alla interpretabilità di suoni gutturali come espressioni ingiuriose». Un caso del tutto analogo è accaduto a Padova dove ad essere rinviato a giudizio per ingiurie, questa volta nei confronti della vicina di casa, era stato Giancarlo D., 53enne di Padova.

Il 22 marzo scorso, l’uomo è stato assolto con formula piena perché la donna che lo accusava - oltre che per ingiurie anche di violazione di domicilio - ha deciso di ritrattare. In questo caso il sordomuto era stato assistito da un interprete della lingua dei segni. «Si è trattato di una decisione presa affinché potesse testimoniare, semplicemente con la sua presenza fisica, tutta l’insostenibilità del processo a suo carico» ha spiegato a Il Mattino di Padova Nicola Zanin l’avvocato che ha difeso Giancarlo D. «Tale situazione infatti» ha proseguito il legale, «a fronte dell’accusa per ingiurie, rendeva la scena del dibattimento quasi surreale. Questo processo è il paradigma di un problema molto sentito in Italia. Troppe volte si fanno i conti con dibattimenti che si sarebbero potuti tranquillamente evitare, ma che il sistema impone di celebrare, i cui costi finiscono inevitabilmente per ricadere sulla collettività».

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • darkstar

    23 Aprile 2012 - 22:10

    Tipica donnetta velenosa, probabilmente con problemi mentali, che si é accanita fino all'ultimo contro un povero sfortunato, giá menomato dalla natura. Purtroppo questo tipo di donnetta squilibrata é piú diffuso di quanto non si creda e tanti poveracci, coinvolti in processi per separazione hanno la vita rovinata. Lo sapete che la metá dei barboni sono uomini separati ?

    Report

    Rispondi

  • franziscus

    23 Aprile 2012 - 18:06

    e alla signora mancava totalmente il cervello.

    Report

    Rispondi

  • blackindustry

    23 Aprile 2012 - 13:01

    Era tanto infastidita dai suoni gutturali di una persona che non poteva parlare come lei. Bene, ora che si è divertita a giocare può passare alla cassa e pagare tutto lei. Ma sappiamo bene che non succederà, il sistema legale in Italia è organizzato proprio male...

    Report

    Rispondi

Evasione a Poggioreale, non accadeva da cento anni. Ecco il lenzuolo utilizzato per scappare

Contro-esodo, ferie finite per 7 italiani su 10. Bollino rosso sulle strade
Liguria, i vigili del fuoco soccorrono un escursionista in difficoltà su una parete rocciosa
Crisi di governo, parla Giovanni Tria: "I conti sono a posto. La legge di bilancio si può fare"

media