Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus: Isnet, dopo lockdown desiderio di cambiamento per 7 italiani su 10

default_image

  • a
  • a
  • a

Roma, 28 apr. (Labitalia) - Il 70% degli italiani spera che “cambi tutto” e meno del 10% spera che “tutto torni come prima”, il 42% degli italiani si interpella sul modello di sviluppo economico e spera in una valorizzazione dei principi di sostenibilità economica e sociale: qualità della vita nelle città , educazione di qualità, lotta alla povertà. L'87,6% è preoccupato per il futuro economico dell'Italia e il 67,9% per la propria situazione personale ma la speranza di cambiamento resta comunque alta. Questi alcuni dei dati più significativi emersi dal sondaggio realizzato da Associazione Isnet su un campione nazionale rappresentativo le cui risultanze sono messe a disposizione delle imprese sociali in questa delicata fase di riprogettazione post-Covid 19.

Il 18,7% afferma “cha cambi qualcosa, ma non influisca troppo sulle mie abitudini”; il 37,5% desidera aumentare il tempo dedicato allo sport e alla salute, il 37,1% prevede di ridurre lo shopping, il 36,6% di ridurre viaggi e spostamenti, Il 49,5% avrà più cura per la famiglia, il 31,7% più attenzione alla povertà, il 51,9% alla salute e al benessere, il 42% al modello di sviluppo economico e il 31% alla qualità della vita delle città.

Il distanziamento forzato all'insegna dello slogan “io resto a casa” ha creato un senso di vicinanza, comunità e la riscoperta di una responsabilità civile concreta con la sperimentazione della potenza di un'azione collettiva dal basso, che sta vedendo ogni individuo più coinvolto e ispirato da un orizzonte comune.

Un'esperienza che, per la maggior parte degli intervistati, può esser ancora utilizzata e re-indirizzata in una prospettiva di cambiamento ispirata ad un principio di sostenibilità diventando pragmaticamente possibile. “Dati importanti per le imprese sociali -afferma Laura Bongiovanni, presidente di Associazione Isnet- che per statuto sono imprese a valore aggiunto sociale e che lavorano interconnesse con le comunità e l'ascolto dei bisogni continuamente mutevoli e in trasformazione".

"La capacità di re-agire di fronte al rischio e a processi inaspettati -prosegue Bongiovanni- è una caratteristica tipica delle imprese sociali così come di tutti gli enti del terzo settore. Una caratteristica che abbiamo più volte raccontato e documentato con i nostri lavori di ricerca. In questa fase di lockdown abbiamo ritenuto importante ascoltare i cittadini per aiutare le imprese sociali a progettare al meglio i propri sforzi nella direzione di un riposizionamento delle proprie attività e modalità di intervento".

“Sarà importante - conclude Bongiovanni - continuare a condividere i risultati dello studio che verrà ripetuto tra 6 mesi, in modo da verificare la stabilizzazione delle tendenze e le novità che emergeranno.” Associazione Isnet dialoga con una rete di 1.284 imprese sociali in tutta Italia, con l'obiettivo di favorire lo sviluppo dell'economia sociale in Italia, realizza durante l'anno vari focus di indagine dedicati all'economia sociale.

Dai blog