Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Fase 3: rapporto, produzione manifattura -21% fra gennaio e maggio, ripresa lenta (2)

default_image

  • a
  • a
  • a

(Adnkronos) - Flessione meno intensa della media anche per gli altri settori che operano nelle filiere dei beni e servizi essenziali nel contesto emergenziale, come sanità, alimentazione, igiene, elettricità, telecomunicazioni e difesa, quali Intermedi chimici (-13,9%), Altri Intermedi (-15,3%), Elettronica (-17,8%) ed Elettrotecnica (-19,1%).

Più in difficoltà i settori direttamente influenzati dal ciclo degli investimenti, come Meccanica (-24,2%) e soprattutto Autoveicoli e moto (-36,8%). Mobili e Sistema moda accusano un calo oltre il 30% e la situazione non appare migliore per gli Elettrodomestici (-22,9%).

Secondo il rapporto, tra maggio e giugno si è osservato un rimbalzo degli indicatori che misurano il sentiment degli operatori, dai minimi toccati in aprile. L'analisi delle componenti dell'indice Istat che sintetizza il clima di fiducia delle imprese manifatturiere rivela giudizi ancora negativi sullo stato corrente della produzione e della domanda, "che tuttavia dovrebbe attenuare il suo ritmo di caduta nei prossimi mesi, come preannuncia la contestuale risalita della componente attese sulla produzione". La ripresa in ogni caso si prefigura ancora "lenta, condizionata da elevata incertezza e timori di nuovi focolai", che frenano i consumi non essenziali e alimentano un comportamento attendista delle imprese sul fronte degli investimenti.

Dai blog