Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

'Febbre' Salvini è caso politico, Pd-Iv all'attacco

default_image

  • a
  • a
  • a

Roma, 25 set. (Adnkronos) - Lo

Un dettaglio che ha scatenato polemiche sui social con l'accusa rivolta al 'Capitano' di non aver rispettato le regole anti-Covid. La vicenda è montata e ripresa dai giornali oggi. Da qui la precisazione-sfogo del numero uno di via Bellerio, sulla sua pagina Facebook: "Mai avuta febbre, fatto test sul Covid ieri mattina, negativo. Ho il torcicollo come milioni di italiani e ho preso il cortisone, alcuni 'giornalisti' evitassero almeno di speculare e mentire sulla salute del prossimo. Vergognatevi!''.

Sempre ieri, Salvini aveva raccontato della visita del medico con il consiglio di restare a casa e di disertare l'appuntamento di Formello: 'Scusate il ritardo, io odio arrivare in ritardo, ma oggi è una giornata non partita benissimo, sono stato due ore attaccato al cortisone e quando mi sono alzato, il medico mi ha detto: 'Ovviamente, lei adesso va a casa'. E io gli ho detto: ''Sì, stia tranquillo, passo prima ad Anguillara Sabazia, poi da Formello e finisco a Terracina, ma alla sera arrivo a casa. Ci tenevo troppo a essere qua, un po' dolorante, un po' febbricitante, però è bello esserci...''.

La nota di precisazione di Salvini ('Non ho il Covid, basta speculazioni'') non convince, però, Pd e Iv, che lo attaccano: ''Se hai la febbre, stai a casa''. Il primo a prendersela con l'ex ministro dell'Interno è il capogruppo Pd al Senato Andrea Marcucci: ''Le regole ed il rispetto valgono per tutti. Anche per i leader di partito. Anche per Salvini. Hai la febbre? Stai a casa, non vai a fare comizi in giro per l'Italia, senza mascherina".

Sulla stessa linea la deputata renziana Giusy Occhionero: ''Il termometro e la febbre non sono uguali per tutti? Se un bambino ha 37.1 non viene fatto entrare a scuola e viene rimandato a casa, dovendo magari aspettare giorni prima che gli venga fatto il tampone e comunicato l'esito, mentre il senatore Salvini pur febbricitante fa comizi e partecipa a manifestazioni pubbliche. Come mai questa disparità di trattamento?".

Dai blog