Cerca
Logo
Cerca
+

Mafia: arresti Messina, inquirenti 'clan esercitava controllo capillare del territorio'

default_image

  • a
  • a
  • a

Palermo, 9 apr. (Adnkronos) - Il clan mafioso di Messina "esercitava un controllo capillare del territorio", "tanto che qualsiasi iniziativa assunta nel rione era assoggettata al preventivo “placet” di Giovanni Lo Duca che si proponeva quale soggetto in grado di sostituirsi allo Stato nella gestione delle “vertenze” sul territorio". E' quanto emerge dall'operazione antimafia di Messina che ha prtato all'emissione di 33 misure cautelari. In una circostanza, per esempio, è emerso come una donna del quartiere si fosse rivolta a Lo Dico "per ottenere la liberazione del proprio figlio minorenne che era stato trattenuto contro la sua volontà da un pregiudicato del posto che lo voleva punire per delle offese pubblicate dal ragazzo su Facebook". Lo Duca "intervenne nei confronti dell'uomo, ottenendo l'immediata cessazione di ogni iniziativa ostile nei confronti del minore". Non fu mai sporta alcuna denuncia.

In particolare, le indagini dei Carabinieri di Messina hanno riguardato la consorteria mafiosa egemone nel rione messinese di "Provinciale" capeggiata "dal noto esponente mafioso Giovanni Lo Duca", attiva, fra l'altro, nelle estorsioni in danno di esercizi commerciali e nel traffico di sostanze stupefacenti e hanno portato al sequestro di un bar utilizzato come base logistica dell'associazione mafiosa.

Dai blog