Cerca
Logo
Cerca
+

Covid: l'allarme di Gratteri, 'Ue impreparata, in Germania il maggior numero di ndranghetisti'

default_image

  • a
  • a
  • a

Palermo, 24 apr. (Adnkronos) - "Lo cosa triste e preoccupante è che l'Europa nemmeno in questa occasione (dell'emergenza pandemica, ndr) si è attrezzata”. E' la denuncia di Nicola Gratteri, procuratore capo di Catanzaro intervenuto in un convegno on line, come scrive antimafiaduemila. “Il sistema giudiziario dell'Europa non è sufficiente a contrastare le mafie e tantomeno un certo tipo di riciclaggio”, ha affermato Gratteri. “Di mafia si discute poco in Europa, salvo quando bisogna bacchettare l'Italia nell'uso delle carceri”, il riferimento è alla sentenza della CEDU in merito all'ergastolo per i boss irriducibili.

“La Germania - ha ricordato Gratteri sempre sul tema dell'antimafia dell'UE - è il Paese più ricco d'Europa dove penso ci sia il maggior numero di ‘Ndranghetisti proprio per la sua disponibilità di ricchezza”. “Io leggo le direttive europee in merito alle politiche di anti-riciclaggio. Sono stringenti, ma solo su carta, perché poi gli Stati membri non le osservano. Ho una rabbia dovuta a questa assuefazione della comunità europea e del potere politico europeo - ha confessato il procuratore - che non intende minimamente rinunciare di un millimetro alla propria libertà. Come la questione della limitazione della tracciabilità del denaro, per la quale i tedeschi non hanno assolutamente interesse né intendimenti a cambiare la norma in nome della privacy”.

Dai blog