Cerca
Logo
Cerca
+

Arte: Jeff Koons mette a subbuglio il mercato, lascia le grandi gallerie Gagosian e Zwirner (2)

default_image

  • a
  • a
  • a

(Adnkronos) - "Jeff ha cambiato il modo in cui vediamo il mondo che ci circonda e il modo in cui comprendiamo la nostra cultura e noi stessi", ha dichiarato in una dichiarazione Marc Glimcher, amministratore delegato e presidente della Pace Gallery. "Ha percepito un cambiamento culturale decenni prima che qualcuno di noi sapesse che era in corso spingendosi oltre la barriera dell'elitarismo che stava recintando il mondo dell'arte".

La prima mostra di Koons con la nuova galleria sarà l'esposizione di un'opera singola presso lo spazio di Palo Alto nel 2022. Nel 2023 seguirà una mostra più grande nello spazio principale della galleria a New York, in cui Koons svelerà un nuovo corpus di lavori.

"Lavorare con Jeff è stato un immenso privilegio", ha detto David Zwirner ad Artnet News. "Auguriamo buona fortuna a tutti coloro che sono coinvolti nel suo prossimo capitolo".Gagosian non ha risposto a una richiesta di commento, ma il proprietario della galleria ha detto al "New York Times" che la mossa "sembra una buona misura". Koons è conosciuto per le sue monumentali 'opere gonfiabili' in acciaio inossidabile. Il suo "Rabbit" (1986) gli è valso il titolo di artista vivente più costoso quando è stato venduto per 91,1 milioni di dollari da Christie's nel 2019.

Dai blog