Cerca
Logo
Cerca
+

Bce: staff, per Eurozona recupero livello Pil pre-pandemia già in primo trim. 2022

default_image

  • a
  • a
  • a

Roma, 10 giu. - (Adnkronos) - Con la nuova revisione delle stime sulla crescita dell'Eurozona - rivista al rialzo per quest'anno e per il prossimo - a fine 2022 il Pil real è previsto attestarsi solo a un livello dell'1,3% inferiore rispetto a quello previsto prima dello scoppio della pandemia: comunque il recupero del livello pre-coronavirus sarà raggiunto già nel primo trimestre 2022, con un anticipo di un trimestre sulle previsioni precedenti. Lo scrive lo staff macroeconomico della Bce che ha rilasciato le nuove valutazioni che tengono anche conto - si sottolinea - del fatto che nella prima metà del 2021 le misure di contenimento anti-contagio sono state più rigide di quanto previsto. Ma questo andamento - continua il documento - "assieme ai progressi sul contenimento della pandemia dovrebbe portare a un notevole rimbalzo dal secondo trimestre di quest'anno in poi".

Per lo staff Bce a inizio 2022 le misure di contenimento potrebbero essere tutte eliminate e alla fine potrebbe emergere che "la pandemia avrà ricadute economiche minori" del previsto, grazie anche alle misure di bilancio aggiuntive come il programma Next Generation EU e alla crescita della domanda estera, sostenuta anche dai pacchetti varati dagli Stati Uniti.

Come annunciato dalla Lagarde in conferenza stampa nel 2021 è previsto il tetto dell'inflazione all'1,9% (dato rivisto al rialzo) per poi scendere nel biennio successivo all'1,5% e 1,4%, anche per via di un calo atteso dei prezzi petroliferi. Quanto al tasso di disoccupazione per lo staff Bce "dovrebbe rimanere sostanzialmente invariato nel 2021 prima di tornare al livello pre-crisi entro la fine del 2023" scendendo al 7,3% per l'intera Eurozona, grazie al progressivo ritorno dei lavoratori ai propri posti con l'uscita dai programmi di sostegno e ai benefici della "forte ripresa post-pandemia".

Dai blog