Cerca
Logo
Cerca
+

Calcio: Pioli, 'contro il Porto è una partita importante ma non credo decisiva'

default_image

  • a
  • a
  • a

Milano, 18 ott. - (Adnkronos) - "E' una partita molto importante ma non credo ancora decisiva. Il doppio confronto con il Porto, nella classifica finale, inciderà molto. Giocando sette partite in venti giorni pensi al presente con tutte le energie". Così l'allenatore del Milan Stefano Pioli alla vigilia della trasferta di Oporto, fondamentale per il percorso in Champions League dei rossoneri reduci da due ko nelle prime due partite del girone.

"Abbiamo studiato il Porto durante la sosta, è un avversario solido ed esperto, abituato alla Champions -sottolinea il tecnico parmigiano ai microfoni di Sky Sport-. È una squadra che ci darà delle difficoltà, ci renderà la partita complicata, ma abbiamo il nostro modo di giocare che dovremo portare avanti per 95 minuti. La nostra classifica non rispecchia appieno la prestazione delle prime due gare dove abbiamo capito che i dettagli fanno la differenza. Lì dobbiamo crescere, servono 95 minuti di alto livello. Dispiace aver perso Rebic perché era in una condizione psicofisica eccezionale, ma spesso accade così che i giocatori si fanno male quando stanno bene. Gli undici che andranno in campo formeranno una squadra forte ed equilibrata, ho anche dei ricambi giusti. Vedremo che scelte fare. Ibrahimovic sta meglio".

Pioli parla poi dei miglioramenti della squadra. "Vedere la loro crescita è la cosa più bella. Guido un gruppo di giocatori belli da allenare. Si aiutano in modo reciproco, lo staff e l'allenatore. Vedere i loro miglioramenti è una soddisfazione, gli allenatori più bravi sono quelli che fanno crescere singolarmente i giocatori. Credo che la nostra crescita non sia completa perché abbiamo margini di miglioramento". Infine l'allenatore del Milan torna sulle due sconfitte nelle prime partite del girone. "Non è così difficile. Le due partite sono semplici da valutare: a Liverpool abbiamo sofferto i primi venti minuti. Loro stanno mettendo in difficoltà tutti sul ritmo. Con l'Atletico Madrid abbiamo fatto molto bene. In entrambi i casi, togliendo i minuti finali con l'Atletico, abbiamo commesso degli errori in fase difensiva che hanno compromesso il risultato".

Dai blog