Cerca

Difesa Personale

PISTOLA AL PEPERONCINO

Consigli per l'utilizzo

12 Ottobre 2018

0
PISTOLA AL PEPERONCINO

La pistola al peperoncino permette a chi la possiede di avvantaggiarsi tatticamente.

Se consideriamo l'aggressore come un predatore e la vittima come una preda, abbiamo già in partenza un'asimmetria di risorse in quanto il criminale è abituato ad agire con modalità predatorie e quindi aggredirà coloro che presenteranno alcune caratteristiche di vulnerabilità psico fisica quando meno se lo aspettano. La vittima prescelta invece non ha nessuna intenzione di combattere e non si immagina minimamente quello che gli sta per capitare. Si aspetterà quindi poca resistenza da parte della vittima ma, nel momento in cui estrarrai con fermezza la tua pistola al peperoncino, da una situazione di partenza di svantaggio ti troverai ad avere un vantaggio tattico con conseguente sorpresa da parte del predatore.

La pistola al peperoncino è molto più maneggevole dello spray ed ha una gittata più lunga che consente di colpire l'aggressore ad una distanza di tre metri.

Questo permette a chi si sta difendendo di avere più tempo per scappare e/o per chiedere aiuto.

Quando ci si difende tutto dipende da due parametri fondamentali quali misura (distanza) e tempo (tempismo) e da due caratteristiche: precisione e rapidità d'esecuzione del movimento o della tecnica. Infatti più l'aggressore si avvicina, meno tempo avrai per estrarre la pistola e "sparare". Per questo motivo in situazioni e in momenti di alto rischio, ad esempio quando si è soli, di sera, in un luogo poco frequentato e poco illuminato, dovrai sempre tenere la pistola a portata di mano, pronta all'uso.

Bisogna inoltre sapere che per potersi difendere è necessario avere un buon controllo della distanza mentre ci si muove. Sparare ad una sagoma fissa non è come sparare ad un criminale che ti viene incontro. L'aggressore infatti cercherà di avvicinarsi e ciò che dovrai fare sarà indietreggiare in modo coordinato sparando mantenendo l'equilibrio. Altra competenza determinante per potere utilizzare con efficacia la pistola al peperoncino è il controllo emotivo.

Come ho già descritto in altri articoli nella rubrica Libero Di Difendermi, ad una certa frequenza cardiaca si avverte un decremento delle capacità motorie e mentali, con conseguente diminuzione della precisione. Per questo motivo è consigliabile conoscere e sapere applicare la respirazione tattica.

Questa respirazione utilizzata dagli sniper (cecchini), si suddivide in quattro fasi:

inspirazione (durata 4 secondi)

blocco (trattenere il fiato per 4 secondi)

espirazione (durata 4 secondi)

blocco (trattenere il fiato per 4 secondi).

Questo ciclo va ripetuto per tre volte a sessione e provato una, due volte al giorno fino a quando avrai acquisito una certa dimestichezza. A quel punto in una situazione di pericolo basterà inspirare ed espirare profondamente, immaginando di inspirare coraggio ed espirare paura, per controllare il tremore della mano causato dallo stato d'animo e potere "colpire" con sufficiente precisione il bersaglio.

Per legge la pistola al peperoncino è vietata ai minori di 16 anni.

Si consiglia dopo l'acquisto di fare qualche ora di lezione di pratica con un esperto in materia.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

media