Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Pietro Senaldi a L'Aria Che Tira: "Giuseppe Conte non capisce nulla. Perché immolarsi per lui?"

  • a
  • a
  • a

"Si riparte da Giuseppe Conte, ma chissà dove si arriva". Myrta Merlino con una sola frase smonta prima ancora che nasca un eventuale Conte ter. Ma la conduttrice di La7 è in buona compagnia. A rincarare la dose ci pensa Pietro Senaldi. "Sarò più sveglio o più stupido degli altri ma io le motivazioni di questa crisi le ho capite benissimo", esordisce a L'Aria Che Tira spezzando una lancia a favore di Matteo Renzi. Lo strappo con Italia Viva che ha ritirato le sue ministre è dovuto a un governo fermo. Per il direttore di Libero siamo "in una crisi istituzionale, sanitaria ed economica. Conte non capisce né di sanità né di economia, non lo ha votato nessuno, non ho capito perché tutti noi dobbiamo immolarci sull'altare delle ambizioni di quest'uomo". Da qui la conseguenza è scontata: "Mi sembra normale che un governo che non funziona, che ha una linea sulla giustizia che la maggioranza non condivide, che anche sui vaccini subirà un flop, finisca". 

 

 

Secondo il direttore Conte non si è scavato la fossa da solo. "Il Pd ha assassinato il premier senza sporcarsi le mani", diceva qualche giorno fa. Non è infatti un caso che i sondaggi (l'ultimo quello riportato qui di seguito) diano un possibile partito di Conte avanti sia ai dem che al M5s. "A parole - aveva proseguito Senaldi - i piddini si sono detti disponibili a sostenerlo, ma i fatti dicono altro". La caccia ai "responsabili" è stata avviata dal presidente del Consiglio, mentre i democratici se ne sono bellamente lavati le mani. La paura di vedere Conte sottrarre voti al partito di Nicola Zingaretti è tanta e non è poi così remota come si pensa. Non va meglio ai pentastellati. I Cinque Stelle sono scivolati nei sondaggi e l'unica paura non può che essere quella del voto. 

 

 

Dai blog