Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Vittorio Feltri, una brutale promessa a Giuseppe Conte: "Giuro che se lo fanno secco..."

  • a
  • a
  • a

Mancano poche ore al via alle consultazioni al Quirinale, che però entreranno nel vivo soltanto da domani, giovedì 28 gennaio. Oggi, da Sergio Mattarella, infatti sono attesi Casellati e Fico, presidenti di Senato e Camera. Ma tant'è, si alza il sipario. Iniziano i giochi, le manovre, i sotterfugi. Attore protagonista Giuseppe Conte, l'avvocato foggiano alla disperata caccia di un "ter" e che però, con il passare delle ore, sembra sempre più lontano da Palazzo Chigi. Ma la politica è il regno del possibile, insomma ora è meglio non spendersi in pronostici. L'attesa, in ogni caso, non sarà lunghissima: il giro di consultazioni terminerà venerdì pomeriggio, quando dunque si comprenderà se Mattarella vorrà concedere a Conte un mandato oppure no.

 

Per certo, tra chi non si augura una riconferma di Conte premier, c'è Vittorio Feltri. E il direttore di Libero riversa la sua speranza su Twitter, in un durissimo cinguettio che si va ad abbattere dritto dritto contro il presunto avvocato del popolo. "A me di Conte non importa niente - premette Feltri -, ma se lo fanno secco stappo una bottiglia di champagne come faccio ogni giorno da buon alcolista raffinato". Insomma, nel tweet un mix di ferocia ed ironia. Il messaggio, in ogni caso, non è equivocabile: Feltri tifa in modo netto, chiarissimo, per la "cacciata" di Conte e dunque contro il "ter" dell'avvocato.

 

Anche alla vigilia, ieri martedì 26 gennaio, Feltri aveva attaccato sempre su Twitter il presidente del Consiglio. Il tutto in una caustica previsione: Ho la sensazione che Conte uscito dalla porta rientrerà dalla finestra, ma da qui sarà buttato fuori. Faranno un altro governo peggiore di questo con un premier ridicolo come il predecessore". Conte un premier ridicolo, per Vittorio Feltri. Un premier che però potrebbe "rientrare dalla finestra", ipotesi che comunque non è ancora tramontata. Come si diceva in premessa, la politica è il regno del possibile (o dell'inciucio, fate voi).

 

Dai blog