Cerca
Logo
Cerca
+

Natale: Abruzzo, tra riti, presepi e gastronomia (4)

default_image

  • a
  • a
  • a

(Adnkronos) - Ma del Natale abruzzese altre tradizioni sono riconducibili alla gastronomia. In alcuni paesi viene applicata l'usanza pagana secondo cui la sera della vigilia si mangiano ben nove portate. Altri paesi, invece, adottano il rito ecclesiastico che prevede la cena di magro, ricorrendo quindi ai tradizionali maccheroni con le alici, ai broccoloni, ai cavoli, alla zuppa di ceci o di fagioli. Cio' che invece unisce tutte le case abruzzesi sono i dolci tradizionali, di cui ogni paese ha la sua specialita'. Si va da caggionetti e pepatelli nel teramano a taralli e caggionetti nel chietino, dalle ciambelle nell'aquilano a li cuperchiole a Popoli. Tutti gustosissimi per festeggiare la festa piu' sentita dell'anno. E' poi il pricipe della tavola, il torrone, bianco o al cioccolato.Se ne produce in Abruzzo in quantita' enorme e di ottima qualita' sopratutto a L'Aquila (cioccolato) e Sulmona (bianco).

Dai blog