Cerca

Sicilia

Carceri: provveditore Sicilia, morte detenuto a Giarre non e' caso malasanita'

28 Aprile 2014

0

Roma, 28 apr. (Adnkronos) - "Non e' un caso di cattiva sanita' all'interno delle carceri". Lo dice all'Adnkronos Maurizio Veneziano, capo dell'amministrazione penitenziaria in Sicilia, in merito alla morte del giovane detenuto avvenuta venerdì nella casa circondariale di Giarre, in provincia di Catania.

"Il detenuto, Nicola Sparti, aveva 34 anni -spiega Veneziano - era alto 1 metro e 53 e pesava 140 kg. Aveva un ventilatore polmonare notturno, uno strumento meccanico. Quindi è infondato parlare dell'esaurimento dell'ossigeno di una bombola. Era assistito ed e' stato ricoverato piu' volte in strutture sanitarie, per le gravi condizioni in cui versava".

"Per due volte - spiega ancora il provveditore - il personale sanitario aveva certificato l'incompatibilita' con il regime penitenziario, e per dopodomani era stata fissata l'udienza per la detenzione domiciliare. Il Tribunale di sorveglianza avrebbe valutato se concedere la misura alternativa alla detenzione per gravi motivi di salute vista l'incompatibilita' certificata dai medici". "Previo nulla osta dell'autorita' giudiziaria - conclude Veneziano - sara' comunque avviata un'inchiesta interna, e relazionero' al Dap".

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Matteo Salvini durissimo con la signora che ha rifiutato l'affitto alla ragazza foggiana: "Una cretina"

Matteo Salvini sicuro su Pontida: "Sarà la più partecipata di sempre. Vogliamo unire il Paese"
"I Conte tornano". Camera con Vista, i retroscena dalla settimana del bis
Nicola Zingaretti, appello al M5s: "Non dobbiamo aver paura di allargare la coalizione alle regionali"

media